La Russia ha iniziato la costruzione di una città dedicata alle tecnologie di difesa

Presentato il ministro della Difesa russo, generale Viktor Shoigou il suo progetto per creare una città dedicata alla ricerca, allo sviluppo e alla produzione di attrezzature per la difesa, come i tecnopoli militari dell'era sovietica, come Nijni Novgorod. Un progetto pilota, chiamato "Era", è già stato avviato sulle rive del Mar Nero, vicino alla città di Anapa, una scelta interessante per ingegneri e scienziati russi. L'obiettivo di M Shoigou è attrarre talenti dalle migliori scuole e università russe e fornire loro un ambiente che promuove le interazioni e la produttività, padroneggiando le questioni di sicurezza e logistica.

Se la “Proof of Concept” sarà efficace, il generale Shoigou prevede di replicare il progetto. 

L’industria della difesa russa è la principale industria esportatrice in Russia, ad eccezione dell’industria del petrolio e del gas. Impiega 1,2 milioni di persone, per un fatturato stimato in 30 miliardi di dollari l'anno. È anche una delle rare zone di eccellenza russa. Basta vedere il successo dei sistemi antiaerei S-400, dei caccia multiuso Su35 o dei carri armati T90 esportati quest'anno per convincersene. 

È anche un pilastro della ricostruzione nazionale nella narrativa del governo, e i successi delle attrezzature russe, nelle operazioni esterne, durante le competizioni militari o le esportazioni, sono regolarmente coperti dai notiziari televisivi nazionali. I biathlon tra carri armati e aerei da combattimento vengono addirittura trasmessi in diretta su alcuni canali nazionali e commentati come eventi sportivi.

Infine, è una delle principali leve economiche e sociali dello Stato, che controlla così alcuni cicli economici del Paese, in particolare investendo i proventi delle esportazioni energetiche del Paese.

Infatti, come negli Stati Uniti, l’industria della difesa russa è considerata un attore centrale nell’azione economica dello Stato. Mentre nel 2018 il bilancio dell’esercito verrà ulteriormente ridotto, quello dedicato alla progettazione e all’acquisizione di attrezzature per la difesa aumenterà. Il GPV russo 2019-2027, l’equivalente del nostro LPM, ha quindi definito una traiettoria di bilancio che porta gli investimenti annuali in attrezzature di difesa a oltre 30 miliardi di dollari all’anno, ovvero quasi il 50% del bilancio totale dell’esercito.

Questo rapporto molto elevato (Francia 20%) dimostra senza dubbio che la Russia applica i principi del Valore Difensivo Positivo, compensando il bilancio dell’esercito con le entrate fiscali generate dall’industria della Difesa. È così che un paese con il PIL della Spagna riesce a rappresentare una minaccia significativa per tutta l’Europa, che ha un PIL 12 volte superiore e una popolazione 4 volte più numerosa di quella della Russia.

Per ulteriori

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli