I paesi baltici cercano aiuto dagli Stati Uniti

- Pubblicità -

In vista dell'incontro dei tre capi di stato degli Stati baltici con il presidente Trump a Washington, Dalia Grybauskaite, presidente della Lituania, ha spiegato alla radio pubblica nazionale LRT che chiederanno al presidente americano intensificare la protezione e la presenza delle forze statunitensi sul loro suolo. I paesi baltici temono azioni russe al di sotto della soglia di conflitto che consentano il ricorso all'articolo 5 dell'Alleanza atlantica, in particolare a causa della grandissima minoranza russa che vive in questi tre paesi, e anzi piuttosto "maltrattata" dalle autorità baltiche, sebbene la situazione è notevolmente migliorata dall'intervento dell'UE. Lo scenario più temuto sarebbe un intervento russo per venire in aiuto di una rivolta di queste minoranze, sul modello del Donbass ucraino, o dell'Ossezia meridionale georgiana.

Nonostante il significativo aumento dei bilanci degli eserciti degli Stati baltici, tutti rispettando la regola del 2% decretata dalla NATO, rimangono incapaci di implementare equipaggiamenti come una flotta da caccia, o carri armati pesanti, suscettibili di fallire. offensivo e quindi svolgono un ruolo dissuasivo. 

Come tutti i paesi con un PIL basso, i paesi baltici non sono più in grado di dotarsi di attrezzature nuove e moderne, poiché i prezzi hanno raggiunto livelli così alti. Infatti, quasi la metà dei paesi dell’UE sono ormai costretti a dotarsi di aerei o veicoli blindati di seconda mano (Lituania, Lettonia, Estonia, Bulgaria, Ungheria, Repubblica Ceca, Slovacchia, Croazia, Slovenia, Portogallo, ecc.) e diversi paesi si trovano ad affrontare evidenti difficoltà nel rinnovare le proprie attrezzature, come la Grecia e la Spagna. Questi paesi stanno quindi diventando sempre più dipendenti dagli Stati Uniti per la loro difesa e stanno diventando, con riluttanza, un potenziale di voto significativo allineato con gli Stati Uniti nei processi europei.

- Pubblicità -

L’Unione Europea ha però la possibilità di concentrare parte della sua azione per affrontare questo problema, in modo semplice ed efficace. Integrando il ritorno sugli investimenti fiscali sul territorio europeo nell’ambito dei servizi europei, l’UE potrebbe organizzare un programma per attrezzare i paesi europei che soddisfano questi criteri (basso PIL, scarso rapporto attrezzature/militari), offrendo finanziamenti su 20 anni di attrezzature prodotte in Europa per oltre il 75%, e compensato fino al 35% dal Paese (o dai Paesi produttori) sulla base dei ritorni sugli investimenti legati all’esecuzione del programma, e un contributo pari al 15% della stessa UE. A fini di equità, anche i paesi che non soddisfano i criteri beneficerebbero della riduzione del 35%, ma di un contributo del 5% solo da parte dell’UE.

Questa misura favorirebbe le aziende europee, mentre oggi sono le aziende americane a riscuotere molti successi in Europa.

Secondo questo modello, quindi, un aereo come un nuovo Mirage 2000, modernizzato al livello di aerei di categoria equivalente come il Gripen o l'F16, che costerebbe quindi dai 35 ai 40 milioni di euro per unità, potrebbe essere offerto a questi paesi per 2 milioni di euro all'anno per dispositivo, manutenzione inclusa. A questo prezzo, paesi come la Lettonia potrebbero avere uno squadrone di 15 aerei e garantire la propria difesa aerea.

- Pubblicità -

Un modello di questo tipo consentirebbe inoltre di detrarre dal conto del debito pubblico dal 40 al 50% degli investimenti in attrezzature per la difesa, consentendo a tutti i paesi europei di aumentare i loro budget destinati all’acquisizione di attrezzature per la difesa fino al 50%. poiché è progettato e prodotto in Europa.

- Pubblicità -

Per ulteriori

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli