Il Senato americano concentra gli investimenti sulle tecnologie del futuro

In occasione della presentazione del bilancio 2019 per le forze armate americane, il Senato ha in qualche modo riorganizzato lo stanziamento dei budget aggiuntivi voluti dall’amministrazione Trump. Pertanto, i senatori hanno ridotto gli aumenti di personale o consentito l'acquisto di attrezzature aggiuntive finanziamenti molto significativi per la Ricerca e lo Sviluppo in termini di tecnologieche condizioneranno i campi di battaglia del futuro: armi ipersoniche, intelligenza artificiale, armi a energia diretta, fisica quantistica, cyber e spazio.

I senatori hanno giustamente ritenuto che la difesa americana stesse perdendo il suo vantaggio tecnologico rispetto a paesi come la Cina o la Russia, che hanno dimostrato capacità in questi settori. 

Tuttavia, il solo riorientamento di bilancio non basterà a ripristinare l’equilibrio. In effetti, il budget americano per la ricerca e lo sviluppo della difesa è già 12 volte superiore a quello della Russia, che tuttavia riesce a prendere il sopravvento in termini di armi ipersoniche e difesa antiaerea, pur restando in termini di tecnologia subacquea, spaziale e aerea americana. tecnologie. Più vicino a casa, si noti che la Francia, con un budget di ricerca e sviluppo 15 volte inferiore a quello della ricerca sulla difesa statunitense, riesce a rimanere in contatto tecnologico e, talvolta, a sorprendere i nostri alleati.

Se i finanziamenti sono essenziali per la ricerca nel settore della Difesa, essi non costituiscono l’alfa e l’omega dell’efficienza, che deve essere definita nell’equilibrio tra ricerca accademica, ricerca industriale e quadro operativo del ministero di vigilanza e degli stati maggiori. Negli Stati Uniti questo equilibrio sembra rotto, con una sovrarappresentazione degli interessi industriali a scapito delle esigenze operative e delle capacità di ricerca accademica.

In Francia, al contrario, la mancanza di finanziamenti risulta essere il fattore limitante, spiegando in breve il lento abbandono. Tuttavia, questo investimento è molto probabilmente il più redditizio in termini di investimenti pubblici, 2,5 miliardi di euro (studi upstream + studi industriali) che generano 20 miliardi di euro di fatturato per l'industria della Difesa ogni anno, sono 10 miliardi di euro di esportazioni, per 200.000 posti di lavoro diretti , da 150 a 200.000 posti di lavoro indiretti e indotti, che generano almeno 12 miliardi di euro di entrate fiscali dirette e indotte all’anno. Comprendiamo perché, per decenni, l'innovazione della Difesa è stata il motore dell'attività economica del Paese...

Per ulteriori

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli