Il significativo calo dei prezzi degli F35 belgi condanna gli sforzi europei?

- Pubblicità -

Secondo il colonnello Harold Van Pee, che supervisiona il progetto F35 per l'aeronautica belga, gli Stati Uniti e Lockheed avrebbe accettato uno sconto significativorelativo alla vendita dell'F35, eliminando dalla fattura belga i costi di progettazione e sviluppo tecnologico. Secondo lui, l'F35 alla fine costerà al Belgio 76,3 milioni di euro in condizioni di volo. Per quanto riguarda il prezzo delle ore di volo, sarebbe superiore solo del 30% a quello dell'F16, ovvero poco più di 20.000 euro a volo in base ai costi comunicati dall'AA belga.

Questa politica dei prezzi molto aggressiva da parte degli Stati Uniti rischia di danneggiare gravemente le ambizioni europee della coppia franco-tedesca. 

Infatti, a questo prezzo, l'F35A costa meno di 10 milioni di euro in più rispetto a un Rafale C e l'ora di volo è, dal canto suo, più alta del 40%, mentre costa 5 milioni di euro in più rispetto ad a Typhoon, per un prezzo per ora di volo superiore appena del 10%.

- Pubblicità -

Ma gli aerei americani possono proporre tecnologie che, se non sono ancora affidabili, sono comunque più moderne di quelle degli attuali aerei europei. 

Combinando così un prezzo aggressivo, un posizionamento tecnologico gratificante, l’interconnessione con dispositivi e sistemi americani e la capacità di trasportare la bomba nucleare B61, l’offerta americana potrebbe ottenere consensi contro i suoi concorrenti che sia in Europa, Canada e Intorno al mondo. Anche i paesi che producono i propri dispositivi, come la Germania, potrebbero avere difficoltà a giustificare la propria posizione europea e nazionale. Inoltre, affermandosi come standard, l’F35 potrebbe minare l’esistenza di un mercato indirizzabile per i dispositivi che verranno dopo di lui, come ad esempio lo FCAS, imponendo il proprio calendario generazionale.

Le posizioni difese dai paesi europei e dai produttori di aerei, che mirano a progettare un sistema di combattimento per il 2035/2040, rischiano di essere in gran parte indebolite dalla strategia statunitense, a causa della mancanza di un mercato indirizzabile.

- Pubblicità -

Infatti, se nell'ambito dello FCAS, la Francia dovrà sostituire i suoi 225 Rafales, la sostituzione di Typhoon Gli aerei tedeschi ed eventualmente spagnoli non supererebbero i 250 aerei, cioè un obiettivo complessivo inferiore a 500 aerei, insufficiente a sostenere il BITD aeronautico dei 3 paesi per 40-50 anni come previsto oggi.

A questa pressione industriale e commerciale sui programmi europei si aggiungono pressioni operative e tecnologiche, con l’entrata in servizio nel prossimo decennio di nuovi velivoli, come il cinese FC-31 e il russo Su-57, e di nuovi sistemi di difesa antiaerea. e sistemi di rilevamento, come gli S-500 russi e i nuovi radar UHF aviotrasportati cinesi. 

È giunto il momento di sostituire l’attuale logica di ottimizzazione del budget con una strategia commerciale, tecnologica e operativa in linea con i nuovi sviluppi osservati.

- Pubblicità -

Per ulteriori

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli