Il rinforzo militare turco sconvolge gli equilibri nel Mediterraneo occidentale

Dalla sua ascesa al potere nel 2002, quando l’AKP ottenne la maggioranza parlamentare in Turchia, Recep Tayyip Erdogan ha intrapreso un programma molto importante di modernizzazione e rafforzamento della potenza militare turca, così come della sua industria della difesa. In 15 anni, il budget dedicato alla difesa turca è aumentato da 7 miliardi di dollari a oltre 18 miliardi di dollari, una progressione appena rallentata dalla crisi del 2008. In lira turca, il budget è aumentato da 13,5 miliardi di dollari nel 2202, a 70 miliardi nel 2018. , rivelando la volontà molto assertiva del leader.

Questo aumento si riflette nei principali programmi di armamento. Nel prossimo decennio, le forze turche riceveranno 100 F35A e probabilmente una ventina di F35B, da 250 a 500 moderni carri armati Altay di fabbricazione locale, 4 cacciatorpediniere antiaerei FT-2000 e 8 fregate multiuso FT-100 dal programma MILGEM ., 2 portaelicotteri d'assalto in grado di implementare i sottomarini F35B, 6 sottomarini AIP Type214, nonché i sistemi di difesa antiaerea S-400 e Patriot PAC3, per citare solo i programmi più importanti.

Allo stesso tempo, la flotta di 250 F16 turchi sarà portata allo standard Block50+, prima di essere gradualmente sostituita dal programma locale di caccia di quinta generazione sviluppato in collaborazione con la Gran Bretagna, il TFX.

Infatti, nel 2030, sostenute da un’elevata crescita demografica rispetto agli standard occidentali e da una crescita economica sostenuta, le forze armate turche costituiranno una forza di prim’ordine nel Mediterraneo orientale, nel Mar Nero e nel Medio Oriente.

Questo massiccio rafforzamento non è privo di preoccupazioni molto serie, in particolare tra i vicini della Turchia. E questo è tanto più vero dal momento che, dal 2012, la missione del presidente turco è quella di riportare la Turchia ai suoi confini precedenti la Prima Guerra Mondiale. Tuttavia, molti paesi hanno integrato questi territori per più di un secolo, tanto più facilmente in quanto il paese, alleato della Germania, era nel campo dei perdenti, e la maggior parte di questi territori erano stati conquistati con la forza dall’Impero Ottomano.

In Grecia, quindi, il rinforzo turco sta generando preoccupazioni molto serie, tra la popolazione e nello Stato Maggiore. La penisola ellenica, ancora in gran parte vincolata dal suo piano di ripresa volto a cancellare il suo debito che raggiunge il 170% del suo PIL, fatica a finanziare la modernizzazione delle sue forze armate, in modo da mantenere una situazione di equilibrio con il suo turbolento vicino.

La preoccupazione è tanto più importante in quanto entrambi i paesi sono membri della NATO, e quindi la nozione di difesa collettiva non può essere invocata in caso di attacco turco contro territori o isole greche, e che la resilienza e la coesione europea in termini di difesa sono discutibili. , soprattutto perché diversi paesi europei esiteranno a intervenire contro la Turchia a causa della grande diaspora turca in Europa.

Questo caso potrebbe ben rappresentare l'avvento o la Nemesi della realtà di Difesa Europa...

Leggi l'articolo in inglese (3 min)

http://www.defenseworld.net/news/24021/US_Technical_Team_to_Explain_Risk_to_F_35_Jets_from_Turkish_S_400_Air_Defence_System#.XDSkcBS5DzA

Per ulteriori

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli