Le capacità anti-sottomarine russe e cinesi guadagnano forza contro la marina statunitense

Se la potenza visibile della US Navy si basa sulle sue 10 super portaerei nucleari, e sui cento incrociatori e cacciatorpediniere che le accompagnano, sono soprattutto la cinquantina di sottomarini d'attacco nucleare della classe Los Angeles e Virginia che gli assicurano un controllo quasi esclusivo dei mari del globo.

Tuttavia, come in molte aree, il rinnovo della componente sottomarina è stato trascurato negli ultimi 20 anni, perdendo il suo fascino con la presunta scomparsa dei conflitti tra le nazioni, a fronte di operazioni antiterrorismo su larga scala come in Afghanistan e in Iraq / Siria. Se oggi la US Navy percepisce in media 2 sottomarini Virginia all'anno, si ritira dal servizio 2,5 Los Angeles arrivando al limite di età.

Invece dei 66 sottomarini d'attacco richiesti dal comando militare per poter svolgere tutte le missioni, nel 2028 avrà solo 42 SSN. 

Allo stesso tempo, la Russia, e soprattutto Cina, si sono impegnati a modernizzare e soprattutto a rafforzare le proprie forze sottomarine, nonché i mezzi di guerra antisommergibile. La Russia si è quindi impegnata a sviluppare 3 nuove classi di sottomarini d'attacco, il Lada, un sottomarino convenzionale con modulo AIP, lo Yasen, un sottomarino nucleare che lancia missili da crociera, e il futuro Husky, che sostituirà l'SSN Akula. Allo stesso tempo, continua a commissionare i sottomarini convenzionali del progetto 638.3 Improvoved Kilo. Inoltre, sta rafforzando la sua flotta di superficie ASW, con numerose corvette attrezzate per questa missione in acque poco profonde, come il Mar Baltico e il Mar Nero.

La strategia cinese è sostanzialmente paragonabile a quella russa, ma dispone di maggiori risorse. Se oggi la Cina dispone solo di 8 sottomarini d’attacco nucleari, dispone anche di una cinquantina di sottomarini convenzionali, tra cui 17 Type 039A Yuan, dotati di un modulo AIP che ne estende notevolmente l’autonomia in immersione. Soprattutto, la Cina lancia tra i 2 e i 3 nuovi sommergibili ogni anno, e questa cifra è destinata ad aumentare, dato che è appena terminata la modernizzazione dei cantieri navali di Wuchang.

Inoltre, negli ultimi anni il PLA ha messo in servizio non meno di 20 corvette ASM Tipo 056A e 28 fregate Tipo 054A, ciascuna dotata di un sonar sullo scafo e di un sonar a profondità variabile, siluri ASM e un elicottero.

Se l’SSN americana mantiene il vantaggio in mare aperto, si troverà in una situazione sfavorevole quando dovrà affrontare queste flotte in aree come il Baltico, il Mediterraneo o intorno all’isola di Taiwan. Può ovviamente contare sui suoi alleati, come il Giappone e i suoi 18 sottomarini d'attacco, o i paesi europei, che dispongono di quasi sessanta sottomarini d'attacco di tutti i tipi. Ma nel caso di un conflitto attorno all’isola taiwanese, ad esempio, nulla garantisce a Washington l’intervento di Tokyo, Seul o Canberra. 

L’entrata in servizio di sottomarini di nuova generazione, come il Barracuda francese e australiano, il Type 214 o il 212 NG turco in Italia, Germania e Norvegia, consentirà alla Marina statunitense di ritardare per un po’. Ma la Marina cinese sembra decisa a proseguire nel suo sforzo, per riuscire ad imporsi in quella che considera la propria zona di influenza. Sarebbe quindi sorprendente se la produzione di nuovi sottomarini cinesi, come le nuove navi ASW, non diminuisse nel prossimo futuro.

Da quel momento in poi, gli Stati Uniti saranno obbligati, a breve termine, a ridefinire il loro programma di produzione di sommergibili, così come di unità di superficie, altrimenti perderanno, almeno per un certo periodo, la supremazia navale che è stata il segno distintivo del loro potere dalla fine della seconda guerra mondiale.

Per ulteriori

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli