Il Pentagono vuole creare un fondo di investimento "patriottico" per preservare le sue tecnologie

Lo ha annunciato il direttore delle acquisizioni del Pentagono Ellen Lord la creazione del programma TCM, per Trusted Capital Marketplace, una partnership pubblico-privata intesa ad attrarre fondi nazionali per investitori in società tecnologiche americane, evitando così la loro acquisizione da parte di fondi stranieri, in particolare cinesi.

Questa strategia non è esclusiva degli Stati Uniti. Così, nel novembre 2017, sono nati il ​​Ministero delle Forze Armate e BPI France il fondo DefInvest, destinato a investire nelle PMI e nelle startup francesi che sviluppano tecnologie cruciali per la Difesa. Molte startup nazionali, infatti, hanno visto le loro tecnologie monopolizzate da fondi stranieri, in particolare cinesi e americani, ponendo una minaccia agli obiettivi di autonomia strategica cari alla Repubblica.

Grazie ad un’ingente riserva di valuta estera, alimentata principalmente dal debito degli stati occidentali, la Cina è apparsa da tempo come una soluzione accettabile per investire nell’economia occidentale, e in particolare nelle PMI tecnologiche. Sembra ora che la strategia cinese sia andata ben oltre il quadro patrimoniale e si sia basata su una reale cattura tecnologica. Pertanto, le aziende cinesi sono riuscite, in pochi anni, ad acquisire capacità tecnologiche pari, a volte superiori, a quelle delle aziende occidentali. Questo punto è particolarmente critico quando si applica a temi strategici, come le tecnologie di difesa, la Cina, come gli Stati Uniti, avendo dimostrato in più occasioni di non esitare a difendere con molto vigore i propri interessi commerciali e strategici.

Al di là dell’aspetto operativo, le tecnologie della Difesa rappresentano spesso una base tecnologica per lo sviluppo di prodotti e servizi per scopi civili e commerciali. Preservando la proprietà intellettuale di quest’opera all’interno del dominio nazionale, il paese preserva anche le capacità della sua futura industria, e quindi l’occupazione. Un punto a volte dimenticato nella percezione degli investimenti tecnologici della Difesa...

Per ulteriori

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli