Vengono rivelate le ambizioni dell'esercito americano per la sua artiglieria

Secondo il centro di ricerca e sperimentazione dell'esercito americano Picatinny Arsenal, citato da il blog defence-blog.com, l'artiglieria americana sarebbe sul punto di fare un enorme balzo in avanti in termini di prestazioni negli anni a venire. Infatti, entro 4 anni, i primi sistemi del programma ERCA[efn_note]Extended Range Canon Artillery[/efn_note] entreranno in servizio presso le forze armate.

Questo programma ha obiettivi a dir poco ambiziosi, estendendo la gittata dell'M109 Paladin a 100 km, rispetto ai 30 km attuali quando utilizzano proiettili di propulsione aggiuntivi, e una cadenza di fuoco da 6 a 10 proiettili al minuto, addirittura superiore all'M109.

Per fare ciò, il programma ERCA sostituirà la canna e il carrello dell'M109 con una canna più lunga e un sistema di caricamento semiautomatico. Utilizzerà inoltre la bomba XM1113 Excalibur a guida GPS con autonomia di 70 km, associata ad una carica propellente estesa XM654. Potrà inoltre utilizzare il ?..).

Se gli obiettivi dell’esercito americano verranno effettivamente raggiunti, riacquisterà il vantaggio perso contro la Russia (e la Cina), i cui sistemi di artiglieria mobile raggiungono già una portata superiore a 50 km e sono dotati di guida GLONASS/BEIDOU o Laser.

In Francia, se il cannone semovente CEASAR raggiunge già una gittata di 42 km, Nexter ha sviluppato un nuovo proiettile, il Katana, con guida GPS e la cui gittata supererà i 60 km. Ma finora sono disponibili pochissime informazioni su questo programma, che è tuttavia cruciale per mantenere una capacità di artiglieria credibile in un ambiente ad alta intensità.

Se questi nuovi sistemi molto promettenti hanno prestazioni impressionanti, il prezzo di ogni guscio è altrettanto impressionante. Non corriamo il rischio di creare, con i sistemi di artiglieria, lo stesso fenomeno che ha privato gli incrociatori Zumwalt della loro artiglieria ad alte prestazioni, ogni proiettile costava più di 800.000 dollari?

Per ulteriori

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli