Il video implica presumibilmente l'Iran nell'attacco a due petroliere nello Stretto di Hormuz

Il Pentagono ha diffuso un video e una serie di immagini che potrebbero far luce sulle circostanze e sull'origine dell'attacco alle petroliere Kokuka Courageous e Front Altair nelle acque iraniane vicino allo stretto di Hormuz il 13 giugno.

Il video mostra un motoscafo, identificato come una motovedetta di classe Gashti gestita dalla Guardia rivoluzionaria iraniana, che si avvicina allo scafo della Kokuka Courageous, per rimuovere quella che somiglia molto a una mina magnetica inesplosa. Avvalorano questa ipotesi anche le foto dei danni subiti dalla nave, con i buchi nello scafo che si trovavano alla stessa altezza della “mina” rimossa dall’equipaggio della motovedetta iraniana. Tuttavia, il danno sul Front Altair è diverso, con il punto di impatto che sembra essere tra 1 e 2 metri sotto la linea di galleggiamento.

In ogni caso, e al di là degli annunci, delle accuse e delle smentite che sono state e verranno fatte nel corso della giornata, l'ipotesi di un coinvolgimento iraniano in questo attacco è perfettamente credibile, e sebbene nessun documento attesti il ​​sabotaggio iraniano, il video del Pentagono e il contesto internazionale creare un significativo corpus di sospetti.

L’Iran, infatti, ha poche leve nei negoziati con gli Stati Uniti per la revoca delle sanzioni e la ripresa del processo di normalizzazione, nonostante i test balistici che le autorità iraniane non sono disposte ad abbandonare. La minaccia di riprendere i lavori in vista di un'arma nucleare rischia, infatti, non solo di provocare un intervento americano e/o israeliano, ma di fornire all'Arabia Saudita l'alibi che cerca, anch'essa si doterà di quest'arma. . Se la Russia ha effettivamente collaborato con le forze iraniane in Siria e chiede il mantenimento dell’accordo nucleare militare iraniano firmato nel 2015, il Paese non sembra pronto a sostenere il regime iraniano oltre questo limite. Pertanto, le ripetute richieste iraniane di acquisire moderni equipaggiamenti di difesa russi sono state finora sempre respinte da Mosca. Per quanto riguarda Pechino, se il Regno di Mezzo ha già consegnato volontariamente armi a Teheran, il coinvolgimento sembra fermarsi, come per Mosca, al livello della diplomazia internazionale.

Danni Kokura Defense News | Flotta di superficie | Guerra ibrida
Posizione dei danni sulla Kokuka Courageous

In effetti, è possibile che il Paese cerchi di impiegare una strategia ibrida, come quella utilizzata dalla Russia nel Donbass, ponendo una minaccia significativa alle navi che transitano attraverso lo Stretto di Hormuz, senza rivendicarne la proprietà e la responsabilità, e agendo come se , al contrario, non è stata coinvolta, facendo attenzione a non lasciare prove troppo evidenti del suo coinvolgimento. Ma laddove la Russia può additare la responsabilità dei secessionisti ucraini, Teheran avrà molte più difficoltà a coinvolgere un funzionario tutelare, essendo la costa yemenita, ad esempio, a più di 500 km di distanza. Inoltre, nonostante questi due attacchi, il mercato petrolifero globale ha reagito con notevole freddezza, l'aumento dei prezzi del greggio si è limitato al 2% il 13 e ha perso l'1% il 14.

L’esistenza di questo video che incrimina l’Iran, e gli effetti molto limitati sui mercati energetici, sembrano quindi rendere questa operazione un fallimento per il regime di Teheran e le Guardie Rivoluzionarie. Resta da vedere se Washington e Gerusalemme mostreranno la stessa moderazione dei mercati finanziari in questa materia, col rischio di provocare una vera crisi nella regione, come nei mercati energetici di tutto il mondo.

Per ulteriori

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli