L’aeronautica americana vuole accelerare ed espandere l’acquisizione dei droni XQ-58A Valkyrie

Il programma Valkyrie, basato sul drone XQ-58A di Kratos, sta per diventare un importante programma dell'aeronautica americana?

Il fatto è che mentre il drone, che è un adattamento di un drone bersaglio dell'azienda Kratos, specializzata in questo campo, ha appena effettuato il suo secondo test di volo, Will Roper, direttore delle acquisizioni dell'aeronautica americana, sembra intenzionato a trovare modi per accelerare ed espandere il programma, con l’obiettivo di fornire il più rapidamente possibile un “Loyal Wingman” operativo agli squadroni operativi.

Per questo intende utilizzare i fondi di emergenza per acquisire rapidamente da 20 a 30 altri droni, in modo da poter espandere e accelerare la sperimentazione e la prototipazione del sistema, integrando sensori e sistemi d'arma, e studiando come il dispositivo può agire nel combattimento moderno. Capace di raggiungere velocità supersoniche e di avere un'autonomia di oltre 1000 km, l'XQ-58A è sicuramente adatto a supportare i caccia moderni.

Ma è soprattutto il suo prezzo unitario a renderlo unico. Infatti, il suo produttore, Kratos, stima che un ordine per 100 dispositivi ridurrebbe il prezzo di acquisto a 2 milioni di dollari, inserendo il drone nella categoria delle apparecchiature riutilizzabili ma sacrificabili. Questa soluzione è di particolare interesse quando si tratta di eliminare i sistemi di negazione dell’accesso, mediante un attacco saturante, attacco che avrebbe un costo significativo in termini di aerei e piloti che utilizzano le tecnologie attuali (F35 compresi).

Quello che doveva essere solo un progetto di studio, infatti, si appresta a diventare un progetto di grande importanza per l'aeronautica americana, al punto che sta ora valutando l'integrazione dell'Intelligenza Artificiale, per consentire al Valkyrie di evolversi con dispositivi pilotati, identificando cosa ci si aspetta da esso e anche anticipando le esigenze degli equipaggi. Da quel momento in poi, il programma XQ-58A si fonderà con il programma “Skyborg”, sebbene pianificato su un programma molto più lungo.

Il corso del programma Valkyrie potrebbe sembrare l'antitesi dei programmi dell'aeronautica americana negli ultimi 30 anni. Piuttosto che costruire il programma su una serie di obiettivi e tecnologie da sviluppare, si basa su mattoni tecnologici esistenti, affidabili e poco costosi, e mostra notevoli capacità di evolversi rapidamente, al punto da sorprendere anche i suoi vertici dell’Aeronautica Militare. al Pentagono. Inoltre, il programma viene mantenuto entro un calendario molto ristretto, con ambizioni tecnologiche accessibili, in modo da ottenere benefici operativi rapidi, anche se non saranno molto duraturi.

Infatti, quando entreranno in servizio gli UCAV di seconda generazione, come il russo Okhotnik S-70, il cinese CH-7 o l'RC del programma FCAS, i Valchirie saranno sopraffatti dalla loro capacità di carico utile, dalla loro azione furtiva e dalle prestazioni dei nuovi sistemi . Ma, nella finestra intermedia, vale a dire tra il 2025 e il 2035, l’aeronautica americana avrà un evidente vantaggio tattico, per superare i moderni sistemi di negazione dell’accesso, fornendo allo stesso tempo alle forze un ritorno di preziosa esperienza sulla realtà degli aerei collaborativi -combattimento con droni.

Si tratta, quindi, di un programma che dovrebbe essere studiato rapidamente e con attenzione, sia da parte degli stati maggiori europei che degli industriali, perché le forze aeree del vecchio continente si troveranno presto ad affrontare lo stesso problema di quello che il Valkyrie si propone di risolvere...

Per ulteriori

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli