Il Grifone VBMR, il Joker dell'esercito francese, arriva nelle unità

In occasione di una cerimonia organizzata sul sito di Satory, alla presenza del Ministro delle Forze Armate Florence Parly, al Capo di Stato Maggiore dell'Esercito, Generale Bosser, è stata consegnata simbolicamente la targa di immatricolazione del primo Griffon Multiruolo Veicolo blindato delle forze francesi. Altri 91 esemplari seguiranno quest'anno, per iniziare ad equipaggiare i reggimenti francesi e sostituire il venerabile VAB. In totale, 936 dei 1722 Grifoni ordinati dovranno essere consegnati entro il 2025 con l'esecuzione dell'attuale LPM.

L'entrata in servizio del Griffon, costruito da Arquus, Nexter e Thales, rappresenta un importante sviluppo per le forze francesi. Sostituirà il VAB, entrato in servizio nel 1974 e prodotto in più di 5000 unità, di cui 4000 per gli eserciti francesi, che nonostante le sue qualità, mostra ormai il peso degli anni e ha raggiunto i suoi limiti in termini di scalabilità. Se nel 1976 un VAB pesava solo 13 tonnellate in massa da combattimento, oggi supera le 17 tonnellate, una volta equipaggiato con i sistemi di corazzatura, rilevamento, comunicazione e ingaggio aggiunti nel corso degli anni, che ne ostacolano la mobilità, ne aumentano i consumi e, in definitiva, riducono l'efficacia in combattimento .

Primo piano del grifone VBMR Analisi Difesa | Bilanci e sforzi di difesa delle Forze Armate | Catena logistica militare
Il Grifone con gli alberi allungati. Vediamo il sistema di protezione Galix che proietta fumo, mascherando il veicolo nello spettro visibile e infrarosso.

Il VBMR è progettato per affrontare questi sviluppi, grazie ad una massa di 26 tonnellate e ad un motore da 400 cavalli che spinge questo 6×6 su tutti i terreni, garantendo al tempo stesso una produzione elettrica sufficiente per tutti i sistemi di bordo. Perché al di là della sua torretta comandata a distanza che ospita una mitragliatrice da 7,62 mm, o del suo sistema di protezione GALIX, è prima di questi sistemi che conferisce al Grifone il suo valore tattico. Infatti, il nuovo veicolo blindato è dotato di una serie di sistemi di rilevamento, come un allarme laser, un avviso di partenza missilistica e una telecamera situazionale, nonché le apparecchiature di informazione e comunicazione sul campo di battaglia del sistema FELIN. Pertanto, il VBMR può mantenere i contatti e comunicare con gli 8 fanti smontati, così come con gli altri veicoli del SGTIA[efn_note]Sous Inter-Army Tactical Group[/efn_note] e dei gradi superiori, per coordinare il supporto e le azioni durante il combattimento . Questo sistema FELIN equipaggerà non solo il VBMR Griffon e il VBMR Leger Serval, ma anche il VBCI, l'ERBC Jaguar e i carri armati Leclerc, consentendo all'intero livello tattico di condividere informazioni e coordinare le proprie azioni. Pertanto, il VBMR differisce da un veicolo da combattimento di fanteria solo per l'armamento, sapendo benissimo che questo può essere rinforzato all'occorrenza, a causa delle dimensioni del veicolo corazzato.

Il secondo vantaggio del Griffon è il suo prezzo. Il contratto quadro prevede infatti che il prezzo di acquisto del veicolo non debba superare il milione di euro, un prezzo relativamente ragionevole per un veicolo corazzato, ma molto interessante per un veicolo con tale potenziale di scalabilità. Ricordiamo che il VAB, il suo predecessore, aveva più di 50 versioni diverse, dal trasporto truppe al cacciacarri, compresa la versione con mortaio e ambulanza, e persino una versione per la pulizia delle piste di atterraggio. Con una maggiore potenza, soprattutto elettrica, dimensioni più grandi che offrono un volume interno di 3 m3 maggiore del VAB, e la sua concezione modulare in termini di sistema informativo, possiamo essere certi che le versioni specializzate del VBMR non tarderanno ad arrivare.

Infine, ultimo punto, e non meno importante, il Griffon è stato progettato secondo un approccio programmato, condividendo il 70% del suo equipaggiamento con l'EBRC Jaguar e il Serval, in modo da ridurre la sua impronta logistica e migliorare la sua disponibilità operativa. Tutti questi punti sono riusciti a convincere le forze belghe, che hanno ordinato 382 VBMR e 60 EBRC, in modo da avere un'interoperabilità ottimale con le forze francesi.

Analisi della difesa del dragone Stryker | Bilanci e sforzi di difesa delle Forze Armate | Catena logistica militare
Il veicolo corazzato da trasporto truppe Stryker Dragoon con torretta da 30 mm per teatri ad alta intensità.

Resta il fatto che, se il Griffon è oggi perfettamente progettato per teatri di bassa e media intensità, il suo armamento, come i suoi sistemi di protezione, sono sottodimensionati in caso di combattimento ad alta intensità. Alcune forze armate, come quella britannica, hanno scelto di dotarsi solo di veicoli da combattimento di fanteria, che sono più pesanti e meglio armati, ma meno adatti ai lunghi viaggi. Gli Stati Uniti sostituirono i mezzi cingolati M113 con lo Stryker, 8x8, più leggero del Griffon con 16,5 tonnellate. Ma rapidamente giunsero alla conclusione che questi veicoli dovevano avere una potenza di fuoco e una protezione superiori per poter partecipare efficacemente ai combattimenti ad alta intensità, come in Europa. Così, quasi 1000 Stryker dei 4500 in servizio saranno aggiornati allo standard “Dragoon”, dotati di una torretta armata con un cannone Mk30 Bushmaster II da 44 mm e uno scafo a V per resistere a mine e IED. Un ragionamento che probabilmente non dovrebbe essere trascurato poiché le tensioni internazionali rendono ogni giorno più probabili i conflitti con le nazioni tecnologiche, o i loro delegati...

Per ulteriori

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli