Il Senato americano prepara un severo inasprimento delle sanzioni contro la Turchia

Mentre le operazioni militari turche nel nord della Siria contro i curdi delle YPG si espandono e il presidente Donald Trump sembra determinato a non interferire, il Senato degli Stati Uniti, da parte sua, si fa carico della causa contro questa offensiva. Così, il senatore repubblicano della Carolina del Sud Lindsey Graham, e il senatore democratico del Maryland Chris Van Hollen, hanno raggiunto unn accordo bipartisan per inasprire le sanzioni contro la Turchia, i suoi leader, il suo esercito e la sua industria della difesa.

Concretamente, i senatori di entrambi i campi, al ritorno da un ritiro del Congresso di due settimane, voteranno su una serie di sanzioni rivolte ai leader turchi, tra cui il presidente RT Erdogan, alle industrie turche dell'energia e della difesa, nonché a tutte le aziende e le persone che lo faranno. fornire loro sostegno finanziario, tecnologico o militare. Gli Stati Uniti vieteranno tutte le vendite di armi al Paese, nonché i viaggi dei suoi leader politici e industriali sul territorio americano. Non si tratta né più né meno della piena applicazione delle misure previste dall'art la legge CAATSA, come applicato, ad esempio, contro la Russia, con le conseguenze che conosciamo sulla sua industria della Difesa.

T129 Atak Difesa Notizie | Conflitto siriano | Cooperazione tecnologica internazionale Difesa
L'elicottero da combattimento turco T-129 Attack è una versione su licenza dell'A-129 Mangusta del produttore italiano Agusta

Ciò ovviamente colpisce diverse aziende europee della difesa che collaborano o forniscono attrezzature alle forze armate turche o alla loro industria della difesa. Oltre agli attuali fornitori di apparecchiature, come KWM/Rheinmetall, TKMS, Agusta-Westland, Airbus DS, diverse aziende europee sono coinvolte in programmi di sviluppo continui, come ad esempio BAe e Rolls-Royce nella progettazione del caccia TF-X, o MBDA nella progettazione di un sistema di difesa antiaerea a medio e lungo raggio di progettazione locale. Anche i clienti dell’industria della difesa turca potrebbero trovarsi nel mirino delle sanzioni statunitensi, ad es. Il Pakistan che ha ordinato corvette ed elicotteri da combattimentoo Il Qatar, che ha ordinato carri armati Altay

Da parte europea, nonostante siano numerose le dichiarazioni di condanna dell'intervento turco, nessuna misura di ritorsione è stata ancora annunciata, né da Bruxelles, né da una delle cancellerie europee. Tre paesi europei membri del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, Germania, Belgio e Polonia, così come i due membri permanenti Gran Bretagna e Francia, hanno chiesto una riunione di questo consiglio per affrontare l'intervento della Turchia nel nord della Siria, una riunione che sarà tenutosi questo giovedì. Ma, come è già stato dettoI governi europei temono che, adottando misure contro la Turchia, quest’ultima continuerà a trattenere sul suo territorio 4 milioni di rifugiati, provenienti principalmente dalla Siria, innescando così una nuova crisi migratoria europea.

Notizie sulla difesa del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite | Conflitto siriano | Cooperazione tecnologica internazionale Difesa
I 5 paesi europei membri del Consiglio di Sicurezza hanno convocato un incontro sull'offensiva turca in Siria

Il grande vincitore di questa crisi potrebbe essere, ancora una volta, Vladimir Putin, che se ne accorgerebbe Ankara deve avvicinarsi a Mosca ancora più rapidamente, a fronte dell’embargo sulle armi occidentali promesso dal Congresso americano. Ma abbiamo ragione a chiederci se questa fine non sia, in realtà, inevitabile, dato che la sfiducia tra le autorità turche e l’Occidente sta diventando così grave. Possiamo davvero considerare oggi la Turchia come un membro a pieno titolo della NATO, anche se il paese sarebbe preso di mira da sanzioni paragonabili a quelle rivolte alla Russia?

Per ulteriori

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli