Atene firma una lettera di intenti per 2 fregate FDI Belh@rra di Naval Group

In occasione della sua visita a Parigi per incontrare il Ministro delle Forze Armate, Florence Parly, il nuovo Ministro della Difesa greco, Nikos Panagiotopoulos, ha firmato una lettera di intenti per l'acquisizione di due fregate tipo Belh@rra di Naval Group. I negoziati su questo programma, che riguarda 2 navi + 2 opzioni, sono in corso da diversi anni e fino ad ora sono stati bloccati dalle difficoltà di bilancio incontrate dalla Grecia. Con questa firma, sembra che un asse di negoziazione per è stato trovato un accordo finanziario definitivo, consentendo così di portare a compimento questo programma.

Le IDF greche saranno, secondo le informazioni pubblicate dal Ministero delle Forze Armate, simili in tutto e per tutto a quelle previste per la Marina Nazionale, con la differenza che porteranno, oltre ai 16 missili Aster 30 dei Sylver 50 silo, 8 missili della MdCN crociera stealth nel silo Sylver 70. Secondo alcune indiscrezioni della stampa greca, Atene vorrebbe anche rafforzare la potenza antiaerea delle navi, aggiungendo un terzo sistema Sylver 50 per aumentare il numero degli Aster 30 missili da 16 a 24. Il valore del contratto è di circa 1,2 miliardi di euro Parigi avrebbe offerto ad Atene di diventare partner del programma FDI Belh@rra, come quanto proposto a Bruxelles con il contratto CaMo relativo all'acquisizione della VBMR Griffon e della EBRC Jaguar.

Francia Grecia Al lavoro su un accordo G to G per le fregate multimissione 1 Notizie sulla difesa | Costruzioni navali militari | Contratti di difesa e bandi di gara
L'IDF greco Belh@rra schiererà 8 missili da crociera stealth MdCN in grado di colpire obiettivi a oltre 1200 km di distanza

Se l’immagine della Grecia è stata in gran parte danneggiata dalla crisi del 2012, la sua situazione è notevolmente migliorata negli ultimi anni, con una ripresa economica all’orizzonte e un bilancio nazionale in leggero surplus. Il nuovo governo di K. Mitsotakis ha inoltre avviato riforme, tra cui significative riduzioni delle imposte sui salari, per rilanciare l'occupazione e porre fine alla disoccupazione che colpisce ancora il 25% della popolazione attiva. Ma le forze armate greche sono state tra le più colpite dalle misure di austerità imposte da Bruxelles, e soprattutto da Berlino, principale donatore del Paese, passando da un budget annuale di 7,5 miliardi di euro a meno di 4 miliardi di euro. Allo stesso tempo, il budget destinato alla Difesa della Turchia, storico avversario del Paese, è aumentato da 8 miliardi di euro a quasi 19 miliardi di euro, e continua a crescere. Questo divario ha aumentato gli antagonismi tra i due paesi nel Mar Egeo e in Tracia, intorno a Istanbul.

Le fregate FDI Belh@rra, infatti, potrebbero costituire un riequilibrio atteso con impazienza nei confronti di Ankara dall'Ammiragliato ellenico. La combinazione dei missili Aster 30 e MM40 Block III e del radar Sea Fire consentirà, se necessario, di creare zone di divieto di accesso, in particolare intorno alle isole sensibili come quelle di Lesbo o Cipro. I missili MdCN consentiranno ad Atene di mantenere una capacità di risposta contro le infrastrutture strategiche turche in caso di escalation, mentre le avanzate capacità di rilevamento antisommergibile del Belh@rra, associate al suo elicottero Embedded ASM, saranno in grado di neutralizzare l'impatto minaccia sottomarina. Tuttavia, per coprire l’intero Mar Egeo, la Marina ellenica avrà effettivamente bisogno di 4 IDF, non di 2.

Capacità di investimenti diretti esteri Notizie sulla difesa | Costruzioni navali militari | Contratti di difesa e bandi di gara
Il Belh@rra rappresenta un condensato di sistemi d'arma e sensori in uno scafo di sole 4.500 tonnellate. Questo è oggi uno dei sistemi d'arma navali più completi per un tonnellaggio così piccolo.

Resta il fatto che questo annuncio mostra i progressi compiuti su questo tema negli ultimi mesi, nonostante Gli sforzi di Washington per cercare di dissuadere Atene per effettuare questa acquisizione. Ciò dimostra anche l'importanza che le autorità greche attribuiscono alle relazioni con Parigi, in un approccio che mira all'equilibrio tra Francia, Germania e Stati Uniti. L’incontro dei due Ministri della Difesa avrà permesso anche di affrontare la seconda questione critica della Difesa che riguarda la Francia, la manutenzione dei Mirage 2000 delle forze aeree greche, che oggi soffrono di carenza di pezzi di ricambio, e che potrebbe trarre vantaggio da un gradito ammodernamento contro l'F16 MLU Block 52 dell'aeronautica turca.

In quanto tale, l'industria della difesa del Paese potrebbe rappresentare, per la Francia, un partner d'elezione, sia nei settori navale e aereo che in quello degli armamenti terrestri. Il Paese che sarà in grado di offrire una valida soluzione industriale e finanziaria nel Paese, potrebbe probabilmente diventare il partner privilegiato nella ricostruzione delle forze armate greche. Per il momento sono ancora una volta gli Stati Uniti, e non un paese europeo, a mostrare il maggiore impegno in questo settore.

Per ulteriori

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli