L'offensiva turca contro i curdi crea molteplici tensioni internazionali

In pochi giorni, con il lancio dell’operazione militare contro i curdi del nord della Siria, il presidente turco è riuscito a unire contro di lui la stragrande maggioranza dell’opinione pubblica occidentale, come le cancellerie. L’attacco degli alleati curdi occidentali, a seguito delle dichiarazioni del presidente Trump, aveva già scatenato forti reazioni in Europa e negli Stati Uniti, ma il bombardamento vicino a una postazione delle forze speciali americane e le minacce aperte contro l’Europa, aumentando il rischio di migrazione, saranno finiti convincendo i più riservati.

Questo venerdì le forze turche hanno effettuato un'operazione un bombardamento di artiglieria a poche centinaia di metri da una posizione occupata dalle forze speciali americane, vicino alla città di Kobane. Non si registrano vittime, ma la notizia ha suscitato scalpore negli Stati Uniti, dove il Congresso aveva già espresso la propria contrarietà alle posizioni del presidente americano. In effetti, il discorso delle autorità americane oggi si sta evolvendo verso una posizione più dura contro l’intervento turco, e c’è un forte rischio di diventare più radicale con il ritorno dei senatori dal ritiro annuale del Congresso, che avrà luogo la prossima settimana, nonostante le spiegazioni fornite dalle autorità turche in merito a questo incidente.

mogherini federica Difesa Notizie | Comunicazione istituzionale della Difesa | Conflitto siriano
Il capo della diplomazia europea ha condannato l'intervento turco al Parlamento europeo

Ma è in Europa che dobbiamo trovare i critici più aspri dell’offensiva turca. Tutte le principali capitali europee hanno condannato all’unanimità questo intervento e ne hanno chiesto la fine. lo stesso ha fatto l’Unione Europea, attraverso Federica Mogherini, Capo della Diplomazia Europea

L’operazione turca nel nord-est della Siria potrebbe aprire un nuovo capitolo drammatico nella storia già molto oscura della guerra in Siria. Le potenziali conseguenze di tale azione militare sono chiare a tutti e a noi. Le ripercussioni possono essere estremamente gravi a livello umanitario, politico e strategico. Per tutte queste ragioni, chiediamo alla Turchia di porre fine alla sua azione militare unilaterale.

Federica Mogherini, al Parlamento Europeo il 12 ottobre 2019

Il presidente turco RT Erdogan ha subito, come avevamo anticipato, minacciato l’Europa smettere di mantenere i circa 4 milioni di rifugiati che si trovano oggi sul suo territorio, il che potrebbe creare una nuova crisi migratoria in Europa, e in particolare nei paesi più esposti, come la Grecia, e nei paesi confinanti.

Se voi (gli europei) continuate a chiamare questa operazione un'invasione, è molto semplice, apriremo le porte e lasceremo 3,6 milioni di rifugiati sulle vostre strade

RT Erdogan, al parlamento turco, 12 ottobre 2019

Se la minaccia ha indubbiamente un peso, sembra che abbia solo rafforzato le posizioni delle cancellerie europee, determinate a non sottomettersi più ai dettami del leader turco. Già l'11 ottobre avevano fatto richiesta 5 paesi europei, Francia, Gran Bretagna, Germania, Polonia e Belgio una riunione d’emergenza del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite riguardo a questa offensiva, incontro limitato dal rifiuto dei rappresentanti americani e russi di condannare questa iniziativa. Ma la risposta europea è già incombente. In tal modo, le autorità olandesi e norvegesi hanno annunciato che avrebbero smesso di vendere attrezzature di difesa o tecnologie associate ad Ankara.

60000 sfollati in Siria Defense News | Comunicazione istituzionale della Difesa | Conflitto siriano
L’offensiva turca ha già mandato oltre 60.000 civili sulle strade della Siria settentrionale

Perché se la minaccia dei migranti può davvero rivelarsi un grosso problema per gli europei, le sanzioni europee contro l’economia e l’industria della difesa turche potrebbero finire per annientare politicamente il presidente Erdogan, che sta già perdendo popolarità da diversi mesi nel suo Paese. Sulla scena internazionale, infatti, la Turchia di Erdogan è indubbiamente cresciuta, ma a discapito dell'economia del Paese. Così, la lira turca ha perso, in 5 anni, più della metà del suo valore rispetto all’euro o al dollaro, una traiettoria simile a quella del rublo russo, senza sanzioni economiche. La disoccupazione è passata dall’8,5% nel 2011 a oltre il 14% nell’estate del 2019, concentrandosi, come spesso, sui giovani. Dopo un periodo di forte crescita tra il 1990 e il 2013, il PIL del Paese è passato da 950 miliardi di dollari (2013) a 850 miliardi di dollari (2015) ed è riuscito a tornare a una crescita bassa solo a partire dal 2018, mentre gli investimenti all'estero sono stati divisi per 2 rispetto agli anni 2000 , e non sembrano mostrare segnali di ripresa significativa.

Infatti, se l'offensiva turca dovesse vacillare di fronte alle difese curde, o se gli europei e il Congresso americano dovessero attuare severe sanzioni contro l'economia del Paese, il presidente turco potrebbe presto ritrovarsi molto indebolito politicamente. C'è da chiedersi anche quale sarebbe l'impatto di misure dal forte valore simbolico, come la cessazione definitiva dei negoziati di adesione del Paese all'UE, o una procedura di esclusione dalla NATO, sulla sostenibilità del presidente turco al suo incarico . Una cosa è certa: gli europei non possono più accontentarsi di dichiarazioni formali nei confronti del presidente Erdogan, che non si comporta né come un amico né come un alleato.

PS: Attraverso la voce del Ministro delle Forze Armate, Florence Parly, la Francia si unisce ai paesi che hanno già sottoposto la Turchia ad un embargo sui sistemi di difesa. Gli scambi di difesa franco-turchi sono pochi, ma questo annuncio potrebbe potenzialmente porre fine al programma turco di missili terra-aria a medio raggio al quale MBDA avrebbe dovuto partecipare. La Germania, attraverso il suo ministro degli Esteri Heiko Maas, ha fatto lo stesso poche ore fa, unendosi a Norvegia, Svezia, Finlandia, Paesi Bassi e Francia. D'altro canto i due principali fornitori europei di tecnologie per la difesa, il Regno Unito che partecipa al programma TFX, e l'Italia con, in particolare, l'elicottero T-129 Attak, non hanno annunciato sanzioni in questo momento.

Per ulteriori

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli