L’esercito americano non è pronto ad affrontare l’interferenza cinese o russa

Perché sia ​​la Russia che la Cina hanno fatto investimenti significativi nella guerra elettronica negli ultimi vent’anni, quando l’opportunità di utilizzarla sembrava molto piccola? La risposta viene data oggi da un gruppo di esperti di guerra elettronica negli Stati Uniti, i quali ritengono che l’esercito americano, così come tutte le forze americane, verrebbero semplicemente ridotte inoperativo a causa del potere del disturbo elettromagnetico che Le forze russe o cinesi sono oggi in grado di schierarsi.

Ces mêmes experts, dont certains sont des officiers d'active des 4 corps américains, estiment que le problème est aujourd'hui majoritairement ignoré par le Pentagone, qui ne cherche pas à y remédier, ni même à en faire un sujet d'intérêt, nonostante alcuni programmi vanno in questa direzione. Pertanto, le esercitazioni nazionali e internazionali alle quali partecipano le forze americane, comprese quelle della NATO, sono considerate irrealistiche e anormalmente facili da questi esperti, con esempi edificanti. Come quello in cui ufficiali sia dell'esercito americano che dell'aeronautica americana hanno chiesto di porre fine al disturbo effettuato da un C130 Compass Call durante diverse esercitazioni. Questo intralcio rendeva impossibile lo svolgimento dell'esercitazione e teneva l'aeronautica a terra... piuttosto imbarazzante, vero? Inoltre, la Russia ha già più volte affermato di esserne capace generare lo svolgimento di esercitazioni NATO vicino ai suoi confini, semplicemente disturbando il segnale GPS nella zona.

EC 130H Notizie sulla difesa di Nellis | Addestramento ed esercitazioni militari | STATI UNITI
Secondo la testimonianza di alcuni esperti, il disturbo effettuato da un EC-130H Compass Call è sufficiente per immobilizzare a terra gli aerei dell'aeronautica americana durante le esercitazioni, costringendo a interrompere il disturbo per continuare l'esercitazione.

Sfortunatamente, le forze americane sono perfettamente rappresentative di tutte le forze occidentali presenti in quest’area. La Guerra Elettronica, come tutte le azioni sullo spettro elettromagnetico, fu tra le prime capacità operative abbandonate sull’altare dei “benefici della Pace”, dopo il crollo del blocco sovietico. In pochi anni il tema è uscito dalle preoccupazioni degli stati maggiori e dei leader politici, cosa che oggi nessun paese europeo ha fatto dispositivi specializzati nel jamming elettronico. Sorprendentemente, la Russia, che stava attraversando una crisi economica e sociale storica negli anni ’90 e 2000, mantenuto queste stesse competenze, e la Cina li stava sviluppando dalla sua parte. Ad esempio, molte persone in Europa credono che i sistemi di difesa come SPECTRA siano equipaggiati Rafale, o Pretorian che equipaggia il Typhoon, sono sufficienti a garantire la sicurezza dell'aeromobile e la sua missione. Gli specialisti della questione sono molto più cauti e credono, come gli esperti d’oltreoceano, che le forze in Europa, e in particolare in Francia, siano estremamente vulnerabili a causa della loro incoerenza sullo spettro elettromagnetico. È discutibile se i rapporti sugli effetti dell'ingorgo di una corvetta russa vicino alle navi francesi, che avrebbe impedito a due delle tre fregate FREMM di lanciare i loro missili MdCN, risultano a questo punto fantasiose, considerate le posizioni espresse da questi stessi esperti...

La vulnerabilità elettromagnetica delle forze occidentali è, infatti, solo un aspetto della loro vulnerabilità complessiva, e della loro debolezza poiché dovrebbero affrontare un avversario tecnologico nel campo della guerra convenzionale. Formatasi dalle molteplici campagne contro avversari non tecnologici in Afghanistan, Iraq o Mali, convinti della loro superiorità tecnologica e dottrinale dopo le guerre in Iraq (90) e Jugoslavia, le forze occidentali si sono evolute per 30 anni all'ombra della propria auto-conversione. leggenda proclamata, senza tener conto degli sviluppi e dei progressi dei paesi potenzialmente concorrenti, Russia e Cina. È tutto il pensiero strategico occidentale a fallire in questo ambito, lo stesso fallimento che portò le forze francesi e britanniche alla sconfitta nel 1940 contro una Germania nazista che, in meno di dieci anni, aveva concepito uno strumento militare e una dottrina per superare un esercito franco-britannico ancora più potente, ma congelato nelle sue certezze.

Per ulteriori

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli