Il governo australiano difende la collaborazione con il gruppo navale

Era tempo ! Dopo diverse settimane di incessanti attacchi al programma Shortfin Barracuda, il governo australiano ha finalmente ceduto le spiegazioni necessarie per porre fine al degrado dell'immagine del programma nell’opinione pubblica del Paese. In particolare, in una dichiarazione firmata congiuntamente dalle autorità militari, politiche e tecniche legate al programma, Canberra ha formalmente negato qualsiasi rischio sull’esecuzione del programma, nonché qualsiasi situazione di stallo nelle negoziazioni in corso con il gruppo navale.

La dichiarazione delle autorità australiane è stata efficace e fattuale:

  • Per quanto riguarda ilaumento dei costi, le cifre avanzate dal passaggio da $ 50 a $ 80 miliardi non costituiscono un aumento del conto, ma a perimetro diverso di quanto serve per determinare le spese legate al contratto. Per adesso, nessuna variazione nei costi non è apparso nel programma.
  • circa $ 400 milioni le cui spese non sarebbero state giustificate, si tratta di un'interpretazione errata delle conclusioni del rapporto pubblicato dal Audit nazionale australiano. In un approccio di gestione del rischio molto precisa, alcune spese previste non sono state ancora contabilizzate, apparendo quindi come “ingiustificate” nel rapporto, ma non significano in alcun modo che non siano giustificate e pianificate nel programma.
  • Per quanto riguarda il 9 mesi di ritardo menzionato regolarmente, è semplicemente impreciso. Ad oggi, per soddisfare i requisiti di qualità e gestione del rischio, principale preoccupazione delle autorità australiane in questo programma, si è effettivamente verificato un ritardo rispetto al programma iniziale. Ma questo ritardo è solo settimane 5. E secondo le autorità ciò non influisce sul rispetto delle scadenze previste dal programma.
  • Infine, per quanto riguarda il possibile impasse in cui la negoziati tra Naval Group e le autorità australiane, presentato come “ toxiques » secondo certi giornalisti non esiste. Il programma viene eseguito con precisione e sono in corso trattative tra l'industria e le autorità senza restrizioni et secondo l'ordine del giorno previsto.

Quindi era tutto solo una tempesta in una tazza di tè? Al contrario, questa crisi, visibilmente manipolata da poche persone desiderose di vedere fallire questo programma, mostra chiaramente che oggi l’opinione pubblica rappresenta una questione determinante nell’attuazione di un grande programma di difesa, soprattutto quando comporta investimenti così pesanti come quello del programma australiano Shortfin Barracuda. In questo caso, non è così tanto i pochi giornalisti e politici che hanno cercato di danneggiare il programma ciò è da biasimare, ma proprio la mancanza di comunicazione da parte delle autorità e dei produttori australiani riguardo a questo programma all'opinione pubblica del paese.

Shortfin Barracuda pumpjet Analisi della difesa | Australia | Comunicazione istituzionale della difesa
Naval Group ha molti argomenti da promuovere all'opinione pubblica australiana, siano essi economici o tecnologici, come in questo caso il pumpjet che riduce le emissioni sonore dell'elica del sottomarino.

Perché se la smentita fornita dalle autorità australiane è ampiamente ripresa dalla stampa specializzata in difesa, lo è molto meno sui mezzi di informazione, e quasi per niente sui social network. In altre parole, il danno è fatto. E ora l’opinione pubblica, e quindi la classe politica australiana, è divisa riguardo a questo programma. Ciò significa che se le elezioni legislative del 2022 dovessero essere anticipate, come è frequente in Australia, l’opposizione alla coalizione di governo, e in particolare il partito laburista, che oggi è testa a testa nei sondaggi con la stessa coalizione, potrebbe essere tentato di farne una questione elettorale cercando di unire l’opinione pubblica attorno alla sua cancellazione. Questo è esattamente ciò che è accaduto in India tra la fine del 2018 e l’inizio del 2019 durante la campagna elettorale legislativa, quando l'opposizione al partito di N. Modi ha sfruttato il contratto relativo all'acquisizione di 36 Rafale in Francia per cercare di ottenere la vittoria. Naturalmente non ci riuscì, ma cosa sarebbe successo se la maggioranza fosse cambiata?

Se ogni minaccia riguardante il programma Sea 1000 sembra ormai scongiurata, questo episodio deve essere analizzato con precisione dagli industriali francesi, affinché modifichino oggi la loro percezione del ruolo dell’opinione pubblica nell’acquisizione e nell’esecuzione dei contratti di difesa, soprattutto in Democrazie occidentali. Perché, in definitiva, non è a un governo che vengono venduti i sottomarini, gli aerei o i veicoli blindati, ma alle popolazioni di ciascuno dei paesi acquirenti. Un paradigma che eviterebbe molte preoccupazioni e contrattempi ai produttori francesi se accettassero di attuarlo...

laboratorio Rafale Analisi della difesa | Australia | La comunicazione istituzionale della Difesa
Una crisi simile è stata sfruttata in India contro il primo ministro N. Modi riguardo al contratto per l'acquisizione di 36 Rafale dall'India.

In Australia, tuttavia, le dichiarazioni del governo non segnano la fine di questo episodio. È ora necessario che Naval Group e i suoi partner riconquistino il cuore degli australiani, spiegando metodicamente come è stato eseguito il programma e presentandone un’immagine obiettiva e gratificante. Senza ledere le prerogative di comunicazione del governo, e con un investimento molto modesto, il gruppo francese potrebbe così non solo tutelarsi da ogni forma di “ricaduta”, ma anche acquisire un know-how molto utile per i programmi futuri. Riuscirà questa allerta a superare il forte conservatorismo che permane in Francia su questo tema? Probabilmente lo vedremo molto presto….

- Pubblicità -

Per ulteriori

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli