Nivotà per i sensori dei futuri sistemi di allarme rapido americani

Negli ultimi mesi, il rinnovo delle capacità avanzate di allerta balistica americana è stato oggetto di volontarismo dimostrato. Un importante programma della nuova "US Space Force", tenendo conto delle nuove minacce, il "Next-gen Overhead Persistent Infrared" (OPIR) ha compiuto nei giorni scorsi un passo importante attraverso la validazione degli esami preliminari di progettazione del payload infrarosso satelliti.

In quanto principale effettore del futuro sistema satellitare in orbita geosincrona, la progettazione e quindi lo sviluppo dei sensori a infrarossi (IR) è oggetto di particolare attenzione. Progettato e sviluppato in modo competitivo da Raytheon Space and Airborne Systems e Ball Aerospace, saranno sottoposti ad un esame critico entro l'autunno del 2021. La selezione e l'integrazione spetterà al produttore dei tre satelliti interessati: Lockheed Martin. La US Space Force conta su uno sviluppo parallelo per rispettare il suo programma, con il lancio del primo vettore della costellazione in orbita geosincrona previsto per il 2025.

Raytheoneearlywarning OPIR Notizie Difesa | Appalti Difesa e Bandi | Difesa missilistica
I sistemi satellitari sono stati utilizzati per l'allerta di missili balistici sin dalla metà della guerra fredda. Alcuni paesi, come la Francia, tuttavia, non dispongono ancora di questi sistemi, che sono essenziali per la condotta di un deterrente credibile.

C'è ancora il 75% di questo articolo da leggere, Iscriviti per accedervi!

Metadefense Logo 93x93 2 Notizie sulla difesa | Contratti e bandi di gara per la difesa | Difesa antimissile

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
articoli nella loro versione completa;e senza pubblicità,
a partire da 1,99 €.


Per ulteriori

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli