La NATO reinveste il Nord Atlantico contro la Russia

Nel 1986 lo scrittore Tom Clancy e il suo aiutante Larry Bond, a cui dobbiamo il famoso gioco di simulazione navale Harpoon, pubblicarono il romanzo "Red Storm Rising", in francese “Tempête Rouge”. L'affascinante storia presentata nel libro affronta, in particolare, il ruolo chiave per la NATO che l'Islanda ha rappresentato nella potenziale padronanza del Nord Atlantico per mantenere un flusso logistico tra gli Stati Uniti e l'Europa nell'evento conflitto con l'Unione Sovietica. Il romanzo ha segnato così tanto gli spiriti che la NATO ha deciso di rafforzare la sua presenza sulla base aerea islandese di Keflavik, schierando lì permanentemente uno squadrone di caccia F15.

Dopo il crollo dell'Unione Sovietica e il Patto di Varsavia, la minaccia per l'Europa è diminuita molto rapidamente, danneggiando le basi aeree dispiegate per il controllo del traffico marittimo, sottomarino e aereo nel nord del Atlantico, al limite del circolo polare. Ma con la ricostruzione dello strumento di difesa russo, abbiamo recentemente assistito al ritorno della NATO su questo teatro strategico per garantire il ponte ritenuto vitale tra il continente americano ei membri europei della NATO.

Sottomarino russo di classe Yassen Defence News | Aerei da combattimento | Aviazione di pattugliamento marittimo
I sottomarini nucleari della classe Iassen segnano il desiderio di Mosca di riguadagnare una significativa capacità militare negli oceani, specialmente nel Nord Atlantico.

C'è ancora il 75% di questo articolo da leggere, Iscriviti per accedervi!

Metadefense Logo 93x93 2 Notizie sulla difesa | Aerei da caccia | Aviazione di pattuglia marittima

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
articoli nella loro versione completa;e senza pubblicità,
a partire da 1,99 €.


Per ulteriori

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli