L'esercito americano chiarisce le sue ambizioni robotiche sul campo di battaglia

Lo sviluppo di sistemi robotici di combattimento terrestre è diventato una delle principali priorità per l'esercito americano e il suo capo di stato maggiore, il generale James C. McConville, che ha recentemente dichiarato che, nei futuri scontri armati, le prime perdite dell'esercito americano dovranno essere robot , non uomini. Senza negare il ruolo centrale del soldato sul campo di battaglia, l’esercito americano sta sviluppando da diversi anni una dottrina globale volta a utilizzare in modo efficiente e coerente sistemi robotici di combattimento terrestre, basati su una gamma di robot da combattimento con capacità complementari. E sempre più successo nella visione degli strateghi americani.

La flotta robotica da combattimento dell'esercito americano sarà divisa in 3 grandi famiglie di veicoli terrestri, i Robotic Combat Light Vehicle, o RCV-Light, con una massa inferiore a 10 tonnellate e di cui è prevista la perdita, gli RCV-Heavy da 30 tonnellate, pesantemente corazzato e armato, ricopre il ruolo di gregario dei carri armati da battaglia come il Programma Skyborg per gli aerei da caccia dell'aeronautica americana. E per valutarne l'efficacia ma anche i limiti, l'esercito americano ha costituito un team appositamente dedicato a questa missione, il Next Generation Combat Vehicle Cross Functional Team dell'Army Futures Command, che come indica il nome, è un componente delComando Futures dell'esercito degli Stati Uniti, un comando specializzato nella preparazione e nell'anticipazione tecnologica delle future battaglie.

Geometria robotica del campo di battaglia FLOT FLOR FLUA e1605025521676 Notizie sulla difesa | Costruzione di veicoli blindati | Droni militari e robotica
L'esercito americano chiarisce le sue ambizioni robotiche su Battlefield 3

C'è ancora il 75% di questo articolo da leggere, Iscriviti per accedervi!

Metadefense Logo 93x93 2 Notizie sulla difesa | Costruzione di veicoli blindati | Droni militari e robotica

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
articoli nella loro versione completa;e senza pubblicità,
a partire da 1,99 €.


Per ulteriori

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli