Blekinge, Barracuda, Taigei: quali sono le prestazioni dei moderni sottomarini convenzionali? - 2a parte

Secondo lo Stato Maggiore della Marina statunitense, i sottomarini convenzionali e non convenzionali rappresentano, oggi, la migliore risposta all’ascesa di alcune potenze navali, citando in particolare la Cina.

È vero che in Asia, il numero di sommergibili in servizio nelle varie marine è più che quadruplicato in 20 anni, e che tutte le principali marine militari sono impegnate nel rinnovamento o addirittura nell'espansione della loro flotta di sommergibili.

Nella seconda parte di questo articolo intendeva presentare i sottomarini con propulsione convenzionale che entrano in servizio oggi, o che lo faranno negli anni a venire, presenteremo in questo pannello gli ultimi cinque modelli, classificati in ordine alfabetico secondo il Paese di progettazione.

Francia: sottomarini convenzionali Shortfin Barracuda

Tra tutti i sottomarini qui presentati, lo Shortfin Barracuda di Naval Group è unico in più di un modo: è l'unico sottomarino a propulsione convenzionale a derivare da un sottomarino nucleare d'attacco, e l'unico ad avere, infatti, molti degli attributi specifico per questo tipo di nave.

Infatti, il Barracuda Shortfin, e la sua versione australiana, la classe Attack, derivano dalla nuova classe di Sottomarino d'attacco nucleare (SSN) classe Suffren, la cui prima unità eponima sta attualmente completando le sue prove nel Mediterraneo in vista di entrare in servizio nei prossimi mesi nella Marina francese. Sei esemplari sono stati ordinati dalla Francia per sostituire i suoi 6 SSN di prima generazione di classe Ruby/Amethyst, con l'ultima unità che entrerà in servizio nel 2028.

i sottomarini barracuda Shortfin convenzionali derivano dal modello SSN Barracuda della classe Suffren
La Suffren, prima unità dell'omonima classe, sta completando le prove in mare e dovrebbe presto entrare in servizio nella Marina francese

Il Barracuda Shortfin ha mantenuto molte caratteristiche del Barracuda iniziale, tra cui l'idrodinamica ottimizzata, la propulsione tramite "Pump-Jet" per evitare il rumore di cavitazione attorno all'elica, le barre di immersione a croce di Saint-André, nonché le sue dimensioni imponenti, con una lunghezza di 97 metri e un dislocamento di 4500 tonnellate in immersione.

In effetti, lo Shortfin è progettato, come il suo fratello maggiore, per andare veloce, e anche molto veloce per un sottomarino a propulsione convenzionale. Questo è ciò per cui, a quanto pare, ha fatto la differenza la Royal Australian Navy, lo Shortfin essendo progettato per viaggiare silenziosamente a velocità fino a 12-15 nodi, il triplo di quella dei suoi avversari tedeschi e giapponesi.

Tuttavia, per l’Australia, e il suo immenso dominio marittimo, la velocità è un fattore essenziale, e la strategia di stalking, favorita dai sottomarini convenzionali della NATO nel Baltico, nel Mare del Nord o nel Mediterraneo, non può essere applicata efficacemente alle zone del Pacifico confinanti con l’isola. continente.

Inoltre, se i sommergibili giapponesi, sudcoreani o indiani hanno potenzialmente tutte le possibilità di affrontare i sottomarini cinesi AIP Tipo 39A/B, o anche i russi 636.3, le navi australiane, da parte loro, dovranno con ogni probabilità confrontarsi sottomarini a propulsione nucleare, come il cinese classe Shang Type 09III, oppure il russo Akula e gli altri Anteï, capaci di raggiungere velocità di punta ben superiori a quelle di qualsiasi sottomarino convenzionale classico.

Shortfin Barracuda pumpjet e1631545960958 Pianificazione e piani militari | Propulsione indipendente dall'aria AIP | Australia
Gli Shortfin Barracuda della classe Attack saranno dotati di un pump-jet proprio come lo SSN Suffren e il francese SSBN le Triomphant, per ridurre il rumore dell'elica ad alta velocità

Per le sue dimensioni imponenti, lo Shortfin ha una grande autonomia in immersione, grazie in particolare alla sua batterie di ultima generazionee una capacità di carico utile, armamento e sistemi diversa da qualsiasi altro sottomarino convenzionale.

Avrà quindi non meno di 28 siluri antisommergibili, ovvero un mix di siluri, missili anti-nave e missili da crociera, con un'autonomia in mare di 80 giorni, per un equipaggio di 60 uomini.

I sottomarini australiani beneficeranno di un sistema di combattimento sviluppato da Lockheed-Martin e di sonar sviluppati da Thales UK. Il primo esemplare entrerà in servizio all'inizio degli anni 2030. Il modello viene offerto anche da Naval Group nei Paesi Bassi per sostituire i suoi sottomarini di classe Walrus, con alcune aggiunte tecnologiche, ancora esclusive.

Giappone: classe Taigei


C'è ancora il 75% di questo articolo da leggere, Iscriviti per accedervi!

Metadefense Logo 93x93 2 Pianificazione e piani militari | Propulsione indipendente dall'aria AIP | Australia

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
articoli nella loro versione completa;e senza pubblicità,
a partire da 1,99 €.


Per ulteriori

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli