Dotandosi di un cacciabombardiere Su-34, l'Algeria si esporrebbe alle sanzioni statunitensi

Da tempo annunciato, sembra che il contratto per l'acquisizione da parte di Algeri di 12 cacciabombardieri Su-34 è ormai sul punto di essere formalizzato dalle autorità del paese. Questi velivoli, lunghi quasi 24 metri e pesanti fino a 45 tonnellate al decollo, derivati ​​dal famoso Su-27, parteciperebbero alla modernizzazione delle forze aeree algerine. Il primo lotto di 6 dispositivi dovrebbe infatti arrivare nelle prossime settimane in Algeria, mentre gli altri 6 dovrebbero essere consegnati nel 2022 e nel 2023. Se questa consegna avrà effettivamente luogo, dopo essere stata più volte annunciata come imminente dal 2016, segnerà il primo successo nell'esportazione di questo dispositivo per Mosca.

Inoltre, i due paesi restano in trattative per un lotto di 14 caccia a lungo raggio Su-35;e un set di 14 Su-57, l'aereo da combattimento di quinta generazione che entrerà presto in servizio presso le VKS, le forze aeree russe. Ma la realizzazione di questo ordine, a lungo ritardato, rischia anche di inasprire notevolmente le relazioni tra Algeri e Washington e di esporre la fragile economia algerina alle conseguenze della legislazione americana CAATSA, la stessa che ha fatto fare un passo indietro a molti altri potenziali clienti della società. Industria della difesa russa.

Su 57 Notizie Difesa | Algeria | Jet da combattimento
Algeri potrebbe essere il primo cliente del Su-57E, la versione export del nuovo velivolo di 5a generazione di fattura russa

C'è ancora il 75% di questo articolo da leggere, Iscriviti per accedervi!

Metadefense Logo 93x93 2 Notizie sulla difesa | Algeria | Aerei da caccia

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
articoli nella loro versione completa;e senza pubblicità,
a partire da 1,99 €.


Per ulteriori

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli