L'esercito britannico all'apice di una grande trasformazione

Molti credono che l'esercito britannico sembri essere il grande perdente negli imminenti arbitrati in Gran Bretagna dopo la pubblicazione di il nuovo riesame strategico integrato. È vero che quest'ultima consacra il ruolo preponderante della Royal Navy e della Royal Air Force nei conflitti e nelle tensioni a venire, e che questi due eserciti sono destinati a ricevere la parte del leone, con la forza della deterrenza, del Aumento del budget di 16,5 miliardi di sterline di La Défense promesso da Boris Johnson nei prossimi 4 anni. Inoltre, il rapporto schiacciante sullo stato fatiscente dell'equipaggiamento pesante dell'esercito britannico pubblicato prima della revisione strategica della Commissione parlamentare difesa, lascia poche speranze di resilienza in quest’area, mentre l’ipotesi di una riduzione di 10.000 postazioni militari e del ritiro dei veicoli da combattimento di fanteria Warrior e di alcuni carri armati Challenger 2 sembrano prendere piede forma nella seconda parte della revisione strategica che sarà pubblicata la prossima settimana.

Da lì in poi sembrò infatti che l’esercito britannico si preparasse a pagare il prezzo del riassetto strategico deciso dal 10 di Downing Street, anche per segnare il distacco tra il Regno Unito e l’Europa continentale in seguito alla Brexit. Ma un articolo pubblicato dal sito ufficiale dell'esercito britannico, con troppa fretta visto che è stato prontamente ritirato probabilmente per non attirare l'attenzione prima della pubblicazione della seconda parte dello Strategic Review, consente tuttavia di considerare un'ipotesi completamente diversa, e molto più gratificante per l'evoluzione dell'apparato militare di Sua Maestà forze terrestri. Sembra infatti che l’esercito britannico sia all’alba di una profonda trasformazione strutturale e organica, il cui scopo sarà quello di rispondere alle sfide e alle realtà della guerra nel 21° secolo!

La Brigade Combat Team (BCT) come unità operativa autonoma

Questo sviluppo comporterà l'organizzazione di una nuova forma di unità operativa di combattimento, il Brigade Combat Team o BCT, in conformità con la nuova dottrina decisa dallo Stato Maggiore britannico qualche mese fa. A differenza delle attuali brigate da combattimento che formano i corpi da battaglia dell'esercito britannico, le BCT saranno unità di combattimento autonome con, di per sé, tutte le capacità per svolgere tutte le missioni loro affidate. Oltre alle tradizionali unità corazzate o meccanizzate, di artiglieria o del genio, integrerà quindi tutti i servizi di capacità che finora erano controllati a livello di divisione o di corpo d'armata, come gli assetti aerei, l'intelligence, la guerra informatica e persino la guerra sociale, nonché l’intera catena logistica necessaria all’azione militare. L’obiettivo dichiarato dall’esercito britannico è quello di poter schierare un’unità che sia allo stesso tempo dissuasiva e pienamente efficace, composta a sua volta da unità più piccole, agili e mobili, ciascuna con grande autonomia decisionale sul terreno per cogliere le opportunità che si presentano a loro disposizione.

sciabola talismano della marina australia 1200 Analisi della difesa | Bilanci delle forze armate e sforzi di difesa | Forze di terra
Il Corpo dei Marines degli Stati Uniti ha definito una nuova dottrina che ha molti punti in comune con quella dell'esercito britannico

Questo modello è molto ispirato a quello presentato alcuni mesi fa dal Corpo dei Marines degli Stati Uniti, da cui prende anche il nome Brigade Combat Team. Ciò permette di immaginare il modo in cui il potere politico e lo stato maggiore britannico immaginano in futuro l’intervento militare delle proprie forze di terra. Gli stessi aspetti di mobilità e agilità sono ripresi anche nella presentazione d'Oltremanica, con l'obiettivo di non offrire mai all'avversario la possibilità di colpire concentrazioni di forze mentre l'incremento dei sistemi di rilevamento delle risorse come droni e satelliti, e di attacco a lunga distanza le capacità con ritardi sempre più brevi continuano a crescere, come dimostra ad esempio la guerra nel Nagorno-Karabakh.


LOGO meta difesa 70 Analisi Difesa | Bilanci e sforzi di difesa delle Forze Armate | Forze terrestri

Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati -

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
tutti gli articoli senza pubblicità, a partire da € 1,99.

- Pubblicità -

Per ulteriori

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli