Moderni elicotteri d'attacco, dall'AH-64E Apache allo Z-19.

Sebbene gli elicotteri siano stati utilizzati in combattimento dalla fine degli anni '40, in particolare durante la guerra di Corea durante la quale hanno svolto per la prima volta un ruolo decisivo nelle missioni di evacuazione dei feriti e il recupero dei piloti espulsi, fu solo nel 1967 che un elicottero armato appositamente progettato per missioni di attacco prese parte a un conflitto armato. Era l'elicottero americano Bell AH-1 Cobra dell'esercito americano nel contesto della guerra del Vietnam.

Da allora, gli elicotteri d'attacco si sono affermati come uno strumento essenziale nell'arsenale degli eserciti moderni, e il Mi-24 Hind, l'AH-64 Apache e altri Tiger hanno partecipato attivamente a numerosi conflitti, dall'intervento sovietico in Afghanistan al primo La guerra del Golfo, dall’intervento in Libia nel 2011 alle tensioni tra Ucraina e Russia di poche settimane fa.

Veloci, manovrabili e armati con potenza, questi dispositivi sanno come sfruttare il mascheramento del terreno per avvicinarsi al bersaglio e distruggerlo prima di ricevere una risposta. A poco a poco sostituirono gli aerei da supporto aereo ravvicinato in molti eserciti.

Con l'arrivo di nuove munizioni, come le munizioni vaganti, e di nuovi sensori e strumenti di comunicazione, i moderni elicotteri da combattimento vedranno le loro prestazioni espandersi ulteriormente negli anni a venire, per continuare a rappresentare una componente chiave del combattimento aereo.

AH-64E Apache (Boeing - Stati Uniti)

In tutta onestà, non potevamo non iniziare questo panel con il re indiscusso di questa categoria di velivoli, il Boeing AH-64 Apache, che rimane oggi l'elicottero da combattimento occidentale più prodotto al mondo, con 2400 esemplari, cedendo di poco solo al sovietico Mi-24 che raggiunse il picco di 2650 aerei prodotti.

Tuttavia, inizialmente, gli Apache non avrebbero mai dovuto vedere la luce. Infatti, è stato sviluppato solo su richiesta dell'esercito americano come parte del suo super programma BIG 5 nel 1972, dopo l'abbandono del programma AH-56 Cheyenne, mentre l'aeronautica americana ha preso parte allo sviluppo dell'A-10 Thunderbolt II e il Corpo dei Marines degli Stati Uniti l'Harrier II, lasciando l'esercito americano isolato per sviluppare la propria ala rotante.

La competizione ha visto scontrarsi il prototipo Bell YAH-63 e lo Hughes YAH-64, quest'ultimo vincitore in quasi tutti gli ambiti a scapito del concorrente. La preproduzione dell'Apache iniziò nel 1981, e il primo aereo arrivò in Europa nel 1984, al culmine della crisi degli euromissili.

Gli elicotteri d'attacco Apache AH-64 provengono dal super programma BIG 5 dell'esercito americano nei primi anni '70
Un AH-64E dell'esercito americano che lancia un razzo Hydra da 70 mm. Da notare il radar millimetrico AN/APG-78 Longbow sull'albero sopra il rotore.

Da allora, il successo commerciale e operativo dell’AH-64 non ha mai vacillato e, nonostante i suoi 40 anni, continua a ricevere ordini nella sua versione più avanzata, l’AH-64E.

Va detto che “la bestia” ha argomenti seri da far valere, con un peso massimo al decollo di oltre 10 tonnellate, il suo Glass-cockpit tandem completamente corazzato e le sue due turbine GE T-700 che sviluppano ciascuna più di 1900 hp di potenza, consentendogli di trasportare cinque tonnellate di carico utile, inclusi piloti, carburante e munizioni.

Per quanto riguarda gli armamenti, trasporta un cannone M30 da 230 mm molto efficace, dotato di 1200 colpi e abbinato al mirino dell'ufficiale del sistema d'arma situato sul sedile anteriore dell'aereo, oltre a una serie di missili, razzi e persino armi aggiuntive. carri armati montati sui 2 punti di attacco di ciascuno dei suoi monconi alari.

In configurazione anticarro, un AH-64E, equipaggiato con un radar AN/APG-78 sull'albero, trasporta fino a 16 missili AGM-114 Hellfire II, conferendogli una formidabile potenza di fuoco. Oltre all'Hellfire, l'Apache può lanciare missili anticarro Spike israeliani, missili aria-aria Stinger e razzi da 70 mm.

Nonostante la sua età, l'AH-64 Apache rimane la punta di diamante della forza di combattimento aereo dell'esercito americano, oltre a 16 forze armate in tutto il mondo, tra cui Regno Unito, Paesi Bassi e Grecia nella NATO, Giappone e Corea del Sud nel Pacifico , Arabia Saudita, Israele, Qatar ed Egitto in Medio Oriente. Questi ultimi anni, Anche Gran Bretagna, Australia e Marocco hanno ordinato il dispositivo a Boeing, che rimarrà in servizio per molti altri decenni.

AH-1Z Viper (Bell – USA)

Versione finale dell'AH-1 Cobra, il primo elicottero d'attacco mai impegnato in un conflitto nel 1967, l'Ah-1Z Viper di Bell non ha più molto in comune con le prime versioni del suo antenato. Niente più configurazione monomotore e rotore bipala, il Viper è ora equipaggiato con 2 turbine General Electric T-700-GE-401C da 1800 cavalli ciascuna, per un peso massimo al decollo di 8,8 tonnellate, e un rotore quadripala con come la maggior parte degli elicotteri moderni.

Tuttavia, il Viper non rinnega la sua eredità, conservando in particolare una sezione frontale di poco più di un metro, che lo rende particolarmente difficile da individuare e prendere di mira di fronte all'avversario.

Questa caratteristica consente inoltre al suo utilizzatore principale, il Corpo dei Marines degli Stati Uniti, di ridurre l'ingombro dell'aereo una volta ripiegato il rotore, quando schierato dalle navi d'assalto statunitensi.

The Bell AH1Z Viper e1620322501956 Pianificazione e piani militari | Germania | Conflitto in Mali
Il Corpo dei Marines degli Stati Uniti schiera più di 220 Viper AH-1Z per supportare le sue forze di sbarco e proteggere i suoi elicotteri da trasporto.

C'è ancora il 75% di questo articolo da leggere, Iscriviti per accedervi!

Metadefense Logo 93x93 2 Pianificazione e piani militari | Germania | Conflitto in Mali

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
articoli nella loro versione completa;e senza pubblicità,
a partire da 1,99 €.


Per ulteriori

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli