Il ministero della Difesa russo potrebbe acquisire Checkmate sulla prossima legge sulla programmazione

Fino ad ora, la comunicazione delle autorità russe sul nuovo programma di caccia monomotore di quinta generazione Checkmate si era concentrata solo sugli aspetti industriali e di esportazione. L’acquisizione dell’apparecchio da parte delle forze armate russe è sempre stato un tema da loro accuratamente evitato, soprattutto perché il Paese è già pienamente impegnato nella una legge sulla programmazione militare, o GPV, già molto ambiziosa che si estende fino al 2027, e puntando sull’acquisizione, in questo ambito, dei caccia Su-57, Su-35 e Su-34 e del drone pesante S70 Okhotnik-B per modernizzare le forze aeree russe. Aggiungere a queste condizioni l'acquisizione di un nuovo aereo non pianificato era quindi fuori luogo, soprattutto perché lo sforzo di bilancio già compiuto dalla Russia nel campo dell'acquisizione di attrezzature per la difesa rappresenta già, da solo, più dell'1% del PIL del paese.

Tuttavia, le autorità russe sanno, e l’esempio del fallimento del MiG-35 è stato lì a ricordarglielo, che i clienti internazionali sono molto più propensi ad acquistare un aereo quando è effettivamente in servizio nel loro Paese d’origine. Ciò non sorprende, se si considera il peso rappresentato dall’acquisizione, dal mantenimento e dall’ammodernamento di una flotta di aerei da combattimento. Una realtà ricordata dal vice primo ministro e vice ministro della Difesa Yuri Borisov durante i dibattiti al Forum del gas e del petrolio di Tyumen, quest’ultimo ha anche dichiarato che l’acquisizione del nuovo Checkmate da parte delle forze aeree russe potrebbe essere presa in considerazione nel quadro della prossima legge sulla programmazione militare, che dovrebbe essere presentata nel 2025 o 2026.

Mikoyan MiG 35 Notizie sulla difesa della NATO | Aerei da combattimento | Bilanci dell'esercito e sforzo di difesa
Sebbene efficiente, economico e ben equipaggiato, il MiG-35 non ebbe successo nelle esportazioni, in gran parte perché veniva evitato dalle forze aeree russe.

Sebbene il programma Checkmate fosse inizialmente un'iniziativa propria di Rostec e dell'ufficio di progettazione Sukhoi, Mosca si è affrettata a prendere il controllo del suo sviluppo, annunciando all'inizio di settembre attraverso il direttore della cooperazione tecnologica internazionale, Dmitry Shugayev, che il suo finanziamento, e quindi il suo controllo, era assicurato dallo Stato federale russo. D'altro canto finora nessuna dichiarazione ha lasciato intendere che l'aereo possa effettivamente essere acquistato dalle forze aeree russe, le quali però tacciono completamente al riguardo. Ma il Cremlino oggi lo percepisce chiaramente il potenziale che il dispositivo rappresenta sul mercato di esportazione, mentre, come afferma lo stesso Yuri Borisov, il mercato si ritroverà presto in gran parte sotto il controllo di Stati Uniti e Cina. Per mantenere l’industria aeronautica russa in grado di affermarsi sui mercati di esportazione essenziali alla sua sopravvivenza nei prossimi 20 anni, è quindi fondamentale puntare su velivoli ad alto potenziale di esportazione, e quindi sostenere il programma Checkmate attraverso una significativa acquisizione nazionale, con tutto il rispetto per i militari.


C'è ancora il 75% di questo articolo da leggere, Iscriviti per accedervi!

Logo Metadefense 93x93 2 Actualités Défense | Aviation de chasse | Budgets des armées et effort de Défense

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
articoli nella loro versione completa;e senza pubblicità,
a partire da 1,99 €.


Per ulteriori

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli