I 4 maggiori progressi della nuova portaerei cinese CV-18 Fujian

Come previsto, la nuova portaerei cinese, soprannominata CV-18 Fujian, è stata varata venerdì a Shanghai, segnando una nuova tappa nell'evoluzione industriale e operativa della Marina dell'Esercito popolare di liberazione. Al di là dell'innegabile successo industriale per Pechino, che in meno di 12 anni avrà varato 3 portaerei di crescente tecnologia e tonnellaggio, il Fujian costituisce una risorsa fondamentale per la Marina cinese nella sua resa dei conti in divenire con la US Navy e i suoi alleati, offrendo diversi importanti progressi nelle capacità che saranno disponibili per i militari e gli industriali cinesi negli anni a venire, che vanno dalla propulsione elettrica...

Leggi l'articolo

L'Australia vuole ridurre di un terzo le acquisizioni di veicoli da combattimento della fanteria

Lanciato da Canberra nel 2018, il programma di fase 400 LAND 3 mirava a sostituire gli M113 in servizio con le forze armate australiane con 450 veicoli da combattimento di fanteria di nuova generazione per un investimento pianificato da 18 a 21 miliardi di dollari australiani, ovvero tra 12 e 14 euro miliardi. Si oppone ora a due modelli, il KF41 Lynx offerto da Rheinmetall Defense Australia, e il Redback AS21 dalla Corea del Sud Hanwha, dopo l'eliminazione dell'Ajax e del CV-90 nel 2019. Tuttavia, secondo le informazioni ottenute dal sito economic Financial Review , sembra che Canberra stia per ridurre le sue ambizioni attorno a questo programma,...

Leggi l'articolo

Compensazione industriale intorno all'F-35 in meno della metà del previsto in Belgio

Nell'ottobre 2018 le autorità belghe hanno annunciato l'acquisizione di 34 aerei da combattimento F-35A dall'americana Lockheed-Martin per sostituire la sua flotta di F-16, allineandosi così alla scelta olandese, avendo Amsterdam ordinato nel 2013 37 dispositivi di questo tipo , un formato che oggi si evolverà a 52 dispositivi e che potrebbe continuare a crescere ora che le autorità olandesi si sono impegnate ad aumentare il loro sforzo di difesa al 2% del PIL. Tuttavia, la decisione del governo Michel nel 2018, in gran parte condizionata dall'intensa attività di lobbying della NATO e del ministro della Difesa fiammingo Steven Vandeput, non ha mai smesso di suscitare polemiche in tutto il Paese,...

Leggi l'articolo
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE