Annunciando la consegna dei missili Iskander-M alla Bielorussia, V.Putin lancia una nuova grande crisi in Europa

Nel 1997, la NATO e la Federazione Russa hanno firmato un accordo bilaterale impegnando, in particolare, le due parti a non estendere le rispettive capacità di attacco nucleare tattico oltre il formato esistente. In altre parole, la NATO si è impegnata a non dispiegare armi nucleari oltre i 5 paesi partecipanti alla deterrenza condivisa dell'Alleanza (Germania, Belgio, Italia, Paesi Bassi e Turchia), mentre la Russia si è impegnata a non schierare o trasferire le proprie armi nucleari oltre i suoi confini. Infatti, durante un nuovo incontro con il suo omologo bielorusso Alexander Lukashenko, il presidente russo Vladimir Putin lo ha annunciato La Russia avrebbe consegnato al suo vicino e alleato i sistemi balistici a corto raggio Iskander-M, specificando che potrebbero essere armati di testate nucleari, e aggiungendo che la Russia avrebbe modernizzato i Su-25 bielorussi per poter trasportare bombe nucleari, questa lancia indiscutibilmente una nuova crisi di sicurezza in Europa, potenzialmente rischiosa come non lo era la Crisi degli euromissili a metà degli anni '80.

Per il presidente bielorusso si tratta, secondo lui, di rispondere ai ripetuti voli di aerei NATO armati di armi nucleari vicino ai suoi confini, e di acquisire una capacità di risposta simmetrica in caso di aggressione nucleare dell'Alleanza Atlantica. In effetti, è estremamente improbabile che Mosca dia a Minsk una tale capacità, indipendentemente dal fatto che sia controllata o meno, come lo è nella NATO, da un sistema a doppia chiave. D'altra parte, un tale annuncio molto probabilmente consentirà alla Russia di schierare Iskander-Ms sul territorio bielorusso, mantenendo fermo il controllo, sostenendo che sono operati da truppe locali, mentre denunciano, come già fatto, l'accordo del 1997 e la presenza di armi nucleari statunitensi in Europa, in contraddizione, secondo Mosca, con il Trattato di non proliferazione. Inoltre, è molto sorprendente che Vladimir Putin abbia annunciato la modernizzazione dei Su-25 bielorussi per poter effettuare attacchi nucleari, questi dispositivi non sono stati tagliati per questa missione, mentre altri dispositivi dell'arsenale bielorusso, in particolare il Mig-29, sarebbe molto più adatto.

Secondo Vladimir Putin, l'industria aeronautica russa modernizzerà la flotta di Su-25 bielorussi per consentire loro di implementare bombe nucleari

Da notare inoltre che Vladimir Putin parla, nelle sue dichiarazioni, di sistemi Iskander-M, e non di Iskander-E, la versione dedicata all'esportazione del missile balistico terra-terra russo, attuata, senza molto successo, dall'Armenia durante la guerra del Nagorno-Karabakh. In effetti, l'Iskader-E ha prestazioni inferiori, non è progettato per effettuare un attacco nucleare e non è, ad esempio, dotato delle stesse capacità di manovra, né dei sistemi di autodifesa e esca che sono equipaggiati con l'Iskander-M. Questi sistemi sono stati utilizzati per la prima volta in Ucraina dalle forze russee si è dimostrato efficace contro gli S-300 a protezione delle principali città ucraine.


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso agli articoli completi di Analisi, OSINT e Sintesi. Gli articoli negli archivi (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati Premium.

A partire da € 6,50 al mese – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE