Cosa ci dice lo sforzo di difesa cinese sulle reali ambizioni di Pechino?

Lo sforzo di difesa cinese, raramente menzionato dalle autorità del Paese, è spesso difficile da valutare. Tuttavia, l’analisi delle informazioni pubbliche permette di determinare le reali ambizioni perseguite da Pechino, nonché la strategia che verrà utilizzata per realizzarle.

All’inizio di agosto, il capo delle operazioni navali statunitensi, l’ammiraglio Mark Gilday, ha presentato il piano più ambizioso per costruire la marina statunitense dalla fine della Guerra Fredda.

Designato " Mappa di navigazione 2022", il documento presentava una strategia per portare la Marina americana a disporre, nel 2045, di 12 portaerei a propulsione nucleare, 66 sottomarini d'attacco nucleare, 96 cacciatorpediniere e 56 fregate oltre a 3 aerei di cui 000 aerei da caccia, oltre a 1300 sottomarini con missili balistici , 12 grandi navi anfibie e 31 navi di superficie e sottomarini autonomi.

L’obiettivo di questo piano, che deve ancora essere approvato dall’esecutivo e sostenuto dal legislatore, anche se presuppone un aumento significativo degli investimenti, è quello di tenere sotto controllo l’aumento di potenza della flotta cinese e, in misura minore, , da altre flotte potenzialmente ostili, come la Marina russa.

La Cina, dal canto suo, non comunica sugli obiettivi del suo formato e molto poco sui suoi obiettivi strategici. È quindi necessario estrapolare queste informazioni sul database periferico.

Per fare ciò, è rilevante guardare al dimensionamento dello strumento industriale militare cinese, e alle sue capacità produttive osservate negli ultimi anni, e più in particolare alle capacità industriali navali dimostrate negli ultimi anni.

Type 055, Type 052D, Type 054A: la Marina cinese sta sviluppando una flotta che supererà in numero quella della Marina americana entro il 2035

Dal 2015, infatti, le forze navali dell'Esercito popolare di liberazione hanno subito una rapida e massiccia evoluzione, con l'arrivo di nuove navi come i cacciatorpediniere Tipo 052D e poi la loro versione allungata DL, nonché gli incrociatori Tipo 055.

Più a monte, l'entrata in servizio delle fregate da guerra antisommergibile Tipo 054A a partire dal 2008 ha consentito a Pechino di aumentare significativamente le sue capacità offshore, insieme alle navi d'assalto LPD Tipo 071, mentre la protezione ASM è stata affidata a una grande flottiglia di corvette Tipo 056A e Tipo 039A sottomarini a propulsione convenzionale.

Dal 2017 ad oggi, infatti, le forze navali cinesi hanno ricevuto 10 nuovi cacciatorpediniere Type 052D, 8 Type 052DL e 6 Type 055, una media di 4,5 nuovi cacciatorpediniere all'anno, mentre negli ultimi 3 anni questo numero si sta avvicinando ai sei cacciatorpediniere consegnati all'anno.

Lo sforzo di difesa cinese in campo navale consentirà alla Marina cinese di essere alla pari con quella statunitense nel Pacifico già nel 2035.
I cantieri cinesi producono una media di 5 cacciatorpediniere Type 052D e DL all'anno, una nave da 7 tonnellate armata con 500 silos verticali per la difesa antiaerea e antinave.

Nulla indica che questo ritmo frenetico di produzione sia destinato a rallentare. Così, oggi, nei cantieri cinesi ci sono non meno di 12 cacciatorpediniere in varie fasi di costruzione, mentre la produzione delle fregate Tipo 054A o B sembra destinata a riprendere ad un ritmo medio di 2 o 3 nuove navi all'anno.

Di questo passo, infatti, la Marina cinese allineerà, nel 2035, da 20 a 25 incrociatori, da 60 a 65 cacciatorpediniere, oltre a una cinquantina di fregate, sostanzialmente lo stesso formato di quello preso di mira dalla Marina statunitense, ma nel 2045 .

In questa dinamica, se Pechino manterrà i suoi sforzi in quest'area, nel 2045 disporrà di più di 50 incrociatori, più di 125 cacciatorpediniere e da 80 a 100 fregate, ovvero una flotta due volte più grande dell'intera flotta da combattimento di superficie della Marina americana sul territorio quella data. Sarebbe addirittura alla pari con l’agglomerazione delle flotte alleate americana, australiana, neozelandese, giapponese e sudcoreana.

Cento sottomarini cinesi nel 2040

La situazione sarà probabilmente simile per le flotte sottomarine, con un centinaio di sommergibili da entrambe le parti, anche se molto probabilmente la Cina avrà meno navi a propulsione nucleare rispetto all’Alleanza del Pacifico.

D’altra parte, non ci sono prove che Pechino mirerebbe a eguagliare la Marina americana e i suoi alleati in termini di numero di portaerei o navi anfibie, con un probabile obiettivo vicino a 7-8 portaerei e una ventina di grandi navi anfibie. , la metà di quelli che avranno gli Stati Uniti e i suoi alleati regionali.

Sembra quindi ovvio che Pechino si stia preparando attivamente ad una tesa resa dei conti navale con gli Stati Uniti e i suoi alleati, ma in un perimetro relativamente vicino alla costa cinese, come confermano gli investimenti più moderati di Pechino in altri settori, come la costruzione di veicoli corazzati o aerei da combattimento.

Infatti, se I cantieri cinesi ora producono tre volte più velocemente dei loro omologhi nella regione del Pacifico, i produttori di aerei consegnano i loro nuovi aerei da combattimento ad un ritmo molto più vicino a quello applicato in Europa e non negli Stati Uniti.

D-10, D-15, D-16, D-20: la produzione aeronautica cinese ostacolata dai ritardi nello sviluppo dei motori turbogetto nazionali


C'è ancora il 75% di questo articolo da leggere, Iscriviti per accedervi!

Metadefense Logo 93x93 2 Equilibrio di potere militare | Alleanze militari | Analisi della difesa

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
articoli nella loro versione completa;e senza pubblicità,
a partire da 1,99 €.


Per ulteriori

Tutto

2 Commenti

I commenti sono chiusi.

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE