Missili antibalistici: 4 argomenti essenziali a favore di MBDA per il programma europeo EHDI

Nel novembre 2019 Finlandia, Italia, Paesi Bassi e Portogallo, guidati dalla Francia, hanno unito le forze nell'ambito della nuova Cooperazione Permanente Strutturata Europea, o PESCO, per progettare un nuovo sistema antibalistico in grado di contrastare le minacce emergenti, inclusi missili ipersonici e alianti nell'ambito del programma TWISTER. Un anno dopo, Berlino ha deciso di aderire al programma, dopo l'abbandono del programma MEADS da parte di Washington. Per la francese MBDA e il suo partner italiano Aliena Aerospace, non c'era dubbio che il futuro programma sarebbe stato pilotato da questi due paesi, le due società essendo, con la francese Thales, al centro della joint venture Eurosam che produce l'unico sistema Sistemi antibalistici europei ad oggi, i sistemi SAMP/T e PAAMS e i missili Aster Block 1 e Block 1NT, in grado di intercettare rispettivamente missili balistici a corto raggio (inf 600 km) e a medio raggio (inf 1500 km).

A fine luglio 2022, invece, la Commissione Europea ha deciso di affidare la progettazione del programma "European Hypersonic Defense Interceptor" ad un consorzio composto da Spagna, Germania, Belgio, Polonia, Repubblica Ceca e Svezia. , oltre a non -EU Norvegia, attraverso il Fondo Europeo per la Difesa. Ciò ha causato lo stupore dei partner dei programmi TWISTER fuori dalla Germania, e in particolare di MBDA che non immaginavano che questo programma potesse sfuggirgli. Al di là dei probabili errori di valutazione dell'azienda francese e del suo partner italiano, non c'è dubbio che la decisione della Commissione Europea sia sorprendente, per non dire irritante. In effetti, 4 argomenti essenziali militano a favore di una gestione francese di questo programma europeo altamente strategico, sia in termini di scadenze, costi, autonomia strategica e persino Europa.

Cos'è la difesa missilistica balistica?

I missili balistici rappresentano ancora una volta, per gli europei, una minaccia più tangibile dopo il deterioramento delle relazioni con il vicino russo. Mosca dispone infatti di una vasta flotta di missili balistici di diverso tipo, che vanno dal corto raggio Iskander-M al futuro intercontinentale RS-28 Sarmat, senza dimenticare il missile ipersonico aviotrasportato Kinzhal. Oltre al fatto che tutti i missili russi possono trasportare testate convenzionali e nucleari, seguono tutti una traiettoria balistica o semi-balistica, che è molto più difficile da contrastare rispetto alle tradizionali minacce come i missili da crociera o gli aerei. Infatti, proprio per questa traiettoria balistica, questi missili raggiungono quote elevate, si parla di apogeo per la quota massima raggiunta, e di velocità, mettendoli fuori portata dei sistemi antiaerei destinati all'abbattimento di velivoli. Per contrastare questa minaccia, è quindi fondamentale disporre di soluzioni dedicate appositamente studiate per questo scopo, in grado di raggiungere le altissime quote dove operano questi missili, e di intercettarli nonostante la loro velocità spesso ipersonica o supersonica, mentre a volte ha esche e capacità di manovra.

Le forze russe dispongono di quasi 500 TEL 9K720 Iskander-M con un raggio di 500 km in grado di trasportare una carica nucleare, di cui una trentina sono di stanza nell'enclave di Kaliningrad

E poiché esistono diversi tipi di missili classificati in base alla loro gittata, e quindi al loro apogeo, esistono 3 famiglie di sistemi antibalistici, anche in base all'atteggiamento di intercettazione. Il primo è chiamato endo-atmosferico e molto spesso consiste in sviluppi nei sistemi antiaerei a lungo raggio. È il caso, in particolare, del famoso Patriot americano PAC-2/3, del franco-italiano Aster Block 1, o dei russi S-300V e S-400 e dei loro cugini cinesi, gli HQ-9. Questi sistemi possono raggiungere bersagli ad altitudini comprese tra 25 e 35 km, ma offrono solo una limitata capacità di intercettazione nelle fasi ascendente e discendente della traiettoria del missile, che richiede finestre di sparo molto strette, dell'ordine di pochi secondi, e una capacità di protezione limitato a poche decine di km2 che circondano il sistema antibalistico, che può proteggere con precisione l'obiettivo previsto solo essendo schierato nelle vicinanze. D'altra parte, attraverso la loro affiliazione antiaerea, questi sistemi offrono ampie capacità di manovra e di intercettazione che altri sistemi non hanno, in particolare contro missili balistici con traiettoria appiattita o semplicemente a corto raggio.

La seconda famiglia di sistemi antibalistici rappresenta l'intercettazione endo-atmosferica elevata, cioè ad altitudini comprese tra 60 e 150 km. Questo è in particolare il caso dell'americano THAAD, e del futuro S-500 russo, nonché del possibile Aster Block 2 previsto da Parigi e Roma. Questi sistemi estendono le capacità di intercettazione dei sistemi endo-atmosferici e sono, come i sistemi eso-atmosferici, dotati di impattatori cinetici inerziali lanciati dal missile per intercettare il bersaglio. Sono ancora abbastanza leggere per essere davvero mobili, ma non offrono capacità di intercettazione al di sotto di un minimo, dell'ordine dei 50 km per il THAAD, questo avendo portato i russi ma anche i cinesi e gli iraniani a sviluppare missili con un tale detta traiettoria semi-balistica, cioè in evoluzione tra il soffitto del Patriot e dell'Aster Block 1 NT, e il pavimento del THAAD.

L'Aster 30 è oggi uno dei migliori missili terra-aria al mondo

La terza famiglia, infine, è quella degli intercettori eso-atmosferici, missili pesanti che portano un impattatore cinetico oltre l'atmosfera e la gravità terrestre, e capaci di proteggere vastissime aree di territorio, anche contro i missili in transito. . Questa è, a rigor di termini, l'unica capacità in grado di neutralizzare missili balistici pesanti del tipo ICBM o la loro versione SLBM lanciata da sottomarino, con sistemi come l'SM-3 del sistema AEGIS della US Navy o l'A-236 russo in silos che protegge Mosca e San Pietroburgo. Tuttavia, questi sistemi non hanno la capacità di rispondere ai missili balistici che si evolvono in una traiettoria appiattita o contro missili a corto e medio raggio con un apogeo al di sotto dei 200 km. Inoltre, sono spesso molto pesanti e molto costosi, e l'unico sistema di questo tipo considerato mobile è l'US-Israeli Arrow 3. Come vedremo in seguito, questo aspetto multistrato che caratterizza un'efficace difesa antibalistica giocherà un ruolo decisivo a favore del ritorno di MBDA e dell'intero consorzio Eurosam alla guida del programma europeo EHDI.

La questione cruciale delle scadenze progettuali


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso agli articoli completi di Analisi, OSINT e Sintesi. Gli articoli negli archivi (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati Premium.

A partire da € 6,50 al mese – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE