Sistemi hard-kill, robotizzazione e autonomia al centro delle evoluzioni dei corpi corazzati dell'esercito americano

Dopo essersi evoluto molto poco per 30 anni, il corpo corazzato dell'esercito americano sta per iniziare un vasto programma di modernizzazione dando il posto d'onore ai sistemi hard-kill, alla robotizzazione e ai sistemi autonomi.

La mostra AUSA, che si tiene fino ad oggi alla periferia di Washington, è l'occasione, ogni anno, per fare il punto sugli sviluppi attuali e programmati in termini di armamento terrestre e strategia per le forze di terra americane, e di conseguenza, per loro alleati. Ma con la guerra in Ucraina, la crisi sino-taiwanese e le varie tensioni a diversi livelli di gestazione del pianeta, l'edizione 2022 assume una dimensione del tutto particolare.

È stato infatti in questa occasione che l'esercito americano ha presentato la nuova dottrina di ingaggio che sostituirà quella elaborata all'inizio degli anni '90 sulla base della fine della Guerra Fredda, e che il governo Biden ha pubblicato la nuova Strategia di Sicurezza Nazionale che disciplina l’azione internazionale e di sicurezza degli Stati Uniti per i prossimi anni.

È stato durante questo salone che sono stati presentati anche i nuovi equipaggiamenti che dovrebbero unire l'esercito americano e le forze americane nel 2023 e oltre.

L’esercito americano, infatti, come gli altri rami del Pentagono, inizierà nei prossimi mesi la grande trasformazione iniziata nel 2017, quando divenne evidente che la Cina, ma anche la Russia, sarebbero diventate i principali concorrenti geopolitici del mondo oltre il 2020. , mentre si aggraveranno anche le aree di tensione cosiddette “tradizionali”.

È così che l'esercito americano ha avviato il superprogramma BIG 6, che dovrebbe essere una ripetizione del superprogramma BIG 5 dei primi anni '70, che ha dato vita in particolare al veicolo da combattimento della fanteria Bradley, al cannone semovente M108, all'UH-60 Elicottero di manovra Black Hawk, nonché il sistema di difesa antiaereo e antimissile Patriot.

Molto ambizioso all'inizio, BIG 6 si è confrontato rapidamente con alcune realtà di bilancio che non permettevano di finanziare contemporaneamente i 6 grandi pilastri, e questo si è trasformato, con l'arrivo di Joe Biden alla Casa Bianca, in uno sforzo globale, ma progressista nel quest'area.

E il 2023 sarà un anno cruciale per questo grande sforzo di modernizzazione dell’esercito americano, poiché 24 di questi programmi entreranno in servizio o saranno forniti per essere testati alle forze americane, tra cui ad esempio il nuovo serbatoio “leggero” Mobile Protected Firepower o MFP su cui si baserà il modello proposto da General Dynamics Land Systems, così comeCombat and Augmented Reality Glasses Integrated Visual Augmented System o IVAS, il nuovo fucile d'assalto Next Generation Squad Weapon o sistemi antiaerei e antidroni DE-SHORAD.

Il carro leggero MFP arriverà presto per rinforzare il corpo corazzato americano
La prima potenza di fuoco mobile protetta da GDLS sarà consegnata nel 2023. Sorprendentemente privo di un sistema hard-kill in fase di progettazione, l’esercito americano sta ora pianificando di equipaggiarlo a breve termine per rispondere alle crescenti minacce sul campo di battaglia.

Ma l'attenzione all'interno dello show AUSA viene catturata innanzitutto dai concorrenti che partecipano alla Programma opzionale per veicoli da combattimento con equipaggio o OMFV, destinato a sostituire i veicoli da combattimento della fanteria Bradley.

Dopo diversi programmi infruttuosi e decine di miliardi di dollari spesi invano negli ultimi 20 anni, l'esercito americano ha infatti adottato un processo efficace e ragionevole per selezionare il sostituto del venerabile Bradley che sta giungendo al termine della sua efficacia operativa.

Oltre ai 5 concorrenti in lizza per questo contratto per oltre 2000 veicoli corazzati di prima linea, tra cui Rheinmetall, BAe e GDLS, sembrano essere i favoriti, il capo di stato maggiore dell'esercito americano, Il generale James C. McConville, ha tracciato le linee che indirizzeranno gli sforzi di modernizzazione del corpo corazzato americano negli anni a venire nel corso di una conferenza stampa tenuta in occasione dell'inaugurazione della mostra.


C'è ancora il 75% di questo articolo da leggere, Iscriviti per accedervi!

Metadefense Logo 93x93 2 Droni militari e robotica | Analisi della difesa | Carri armati MBT

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
articoli nella loro versione completa;e senza pubblicità,
a partire da 1,99 €.


Per ulteriori

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli