Pechino può imporre un blocco di Taiwan prima del 2027?

Plutôt qu'une action amphibie risquée et couteuse, l'hypothèse d'un blocus de Taïwan imposé par la Marine chinoise et les forces aériennes de l'Armée populaire de libération, apparait désormais la plus susceptible d'intervenir rapidement, selon plusieurs spécialistes du soggetto.

Pochi giorni fa, il capo delle operazioni navali americane, ammiraglio Gilday, ha insistito sui rischi di un ipotetico conflitto tra la Repubblica popolare cinese e Taiwan in tempi ridotti.

Per l’ufficiale americano, la Marina americana ora lo stimaè probabile un’offensiva cinese contro l’isola autonoma a partire dal 1949 da qui a 2027, e potrebbe verificarsi anche in un futuro molto prossimo, precisando che la finestra di opportunità era già iniziata.

Le sue affermazioni sono state ampiamente accreditate dalle dichiarazioni del presidente Xi Jinping in occasione del 20° Congresso del Partito Comunista Cinese, ma anche dalla riorganizzazione dell'alto comando cinese che ne è seguita, mettendo alla testa dell'Esercito Popolare di Liberazione rinomati ufficiali generali per la loro esperienza e lealtà al presidente cinese.

L'ipotesi di un blocco sempre più credibile di Taiwan

È in questo contesto che il direttore dell'Ufficio per la sicurezza nazionale taiwanese, Chen Ming-tong, ha parlato dell'aggiornamento della minaccia cinese sull'isola. Secondo lui non c'è dubbio che Pechino voglia accelerare tutto il suo programma volto a reintegrare l'isola nella Repubblica popolare cinese.

Come l’ammiraglio Gilday, ritiene che la Cina potrebbe intraprendere operazioni volte a costringere Taiwan a sottomettersi con la forza a Pechino già nel 2023.

Secondo lui, l’ipotesi di un blocco dell’isola è oggi la più probabile, e ciò potrebbe avvenire già a partire dal prossimo anno, sapendo che la presa di Taiwan costituisce ormai un indicatore chiave dell’azione politica di Xi Jinping, e che ciò sembra essenziale che ciò venga effettivamente portato a termine prima della fine del suo terzo mandato nel 3, soprattutto se intende, come è probabile, candidarsi per altri mandati successivamente.

Il blocco di Taiwan richiederà una grande flotta di aerei cisterna come l'YU-20
L'aeronautica cinese dispone di una trentina di aerei da trasporto pesante Y-20, ma solo una decina di questi sono dedicati al rifornimento in volo, una flotta insufficiente per sostenere un blocco navale attorno a Taiwan.

Tuttavia, imporre un blocco navale e aereo dell’isola sarà un’azione ardua per le forze cinesi, soprattutto nel 2023, quando la trasformazione dell’Esercito popolare di liberazione avrà raggiunto solo la metà dei suoi obiettivi.

Il potere della Marina e dell’Aeronautica Cinese

Pertanto, a questa data, la Marina cinese disporrà di 3 portaerei, 55 sottomarini d'attacco moderni di cui 6 a propulsione nucleare, 10 grandi navi d'assalto anfibie supportate da 40 navi d'assalto più piccole, 8 incrociatori, 45 cacciatorpediniere, 30 fregate e cinquanta navi anti-aereo. corvette sottomarine.

Nell'aria, Pechino potrà contare su 1600 caccia e cacciabombardieri moderni, tra cui un centinaio di J-20 di quinta generazione e 5 bombardieri a lungo raggio, ma solo 200 aerei da trasporto pesante, 60 Awac e appena altrettanti aerei cisterna. .

Sebbene tale forza sia senza dubbio più che significativa, non è esente da alcune debolezze che potrebbero compromettere l’applicazione di una strategia di blocco contro Taiwan.

Gli attuali limiti della Marina cinese


C'è ancora il 75% di questo articolo da leggere, Iscriviti per accedervi!

Metadefense Logo 93x93 2 Tensioni Cina vs Taiwan | Analisi della difesa | Assalto anfibio

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
articoli nella loro versione completa;e senza pubblicità,
a partire da 1,99 €.


Per ulteriori

Tutto

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE