Quali aiuti militari può fornire oggettivamente la Francia all'Ucraina?

Dall'inizio dell'aggressione russa contro l'Ucraina, la Francia ha sostenuto Kiev negli ambiti politico, economico e militare. Tuttavia, da diversi mesi, questo aiuto militare è stato regolarmente contestato, sia in Francia che in Europa, giudicato dai suoi detrattori insufficiente, in particolare nei confronti degli aiuti concessi da altri paesi europei. È vero che Parigi è rimasta discreta sugli aiuti concessi, e in diverse aree, ampiamente indietro rispetto ad altre nazioni europee, compresi paesi molto meno ricchi della Francia. A più riprese sui maggiori quotidiani nazionali sono stati pubblicati editoriali, qui per chiedere la consegna dei carri armati Leclerc, lì per aumentare gli aiuti militari a 4 miliardi di euro, basandosi proprio su questa apparente debolezza dell'assistenza francese all'Ucraina. Al di là di questi appelli costruiti essenzialmente su una risposta emotiva al disagio ucraino, è necessario definire sia gli obiettivi cui si rivolge questo sostegno, ma anche i vincoli ad esso applicabili, in modo da far emergere una dottrina che possa oggettivamente inquadrare questo aiuto militare in modo ottimizzato.

Perché la Francia dovrebbe aiutare militarmente l'Ucraina?

Se a prima vista il sostegno francese all'Ucraina sembra condizionato da considerazioni umanitarie e di diritto internazionale, si scopre che la Francia, come i suoi vicini, ha molte ragioni perfettamente oggettive per sostenere attivamente Kyiv militarmente, al fine di consentire una vittoria ucraina contro la Russia eserciti.

In primo luogo, anche se raramente affrontato, si tratta di minare il più possibile gli strumenti militari di Mosca, riducendo così nel tempo le sue capacità di disturbo in Europa ma anche in Medio Oriente, nel Caucaso e in Africa, vale a dire tutti i teatri di attrito con le forze regolari o non regolari al servizio del Cremlino. Questo obiettivo è apparso solo quando è diventato chiaro che gli eserciti ucraini erano effettivamente in grado di resistere al rullo compressore militare russo, ma anche di infliggergli gravi perdite. E infatti, sembra che gli eserciti russi abbiano subito un terribile logoramento dall'inizio del conflitto, con tra i 30.000 e i 60.000 morti, almeno altrettanti feriti, e la perdita di un numero elevatissimo di materiali, tra cui 1200 carri armati. , cioè metà della flotta russa prima di questa guerra. Sostenere militarmente l'Ucraina, infatti, permette in modo diretto e significativo di erodere gravemente lo strumento militare russo e, secondo le attuali dinamiche, è più che probabile che gli eserciti e l'industria della difesa del Paese dovranno fare molto grandi sforzi per 10-15 anni, se non altro per sperare di tornare ai livelli che avevano prima dell'inizio del conflitto, periodo durante il quale la minaccia russa sarà notevolmente attenuata, anche se tutti i paesi europei svilupperanno i loro eserciti e la loro resilienza capacità.

dall'inizio del conflitto, gli eserciti russi hanno perso metà della loro flotta di moderni carri armati pesanti, minando permanentemente le loro capacità operative convenzionali

D'altra parte, i successi militari ucraini contro uno degli eserciti più potenti del pianeta, se basati soprattutto sul coraggio, la determinazione e l'intelligenza dei soldati ucraini, saranno stati possibili solo con l'aiuto degli occidentali, e i materiali forniti. In effetti, questo sostegno occidentale veicola sulla scena internazionale due messaggi perfettamente udibili, la cui influenza sarà cruciale nell'evoluzione della geopolitica globale: la determinazione e l'unità delle capitali occidentali, anche di fronte agli effetti indotti di più sgradevoli, in particolare da un punto di vista economico, così come l'efficacia dell'equipaggiamento militare occidentale. Perché se gli eroi di questa guerra sono i soldati ucraini, i simboli, come per loro, erano spesso armamenti trasmessi in Ucraina, come nel caso dei missili anticarro Javelin e MLAW e del drone TB2 Bayraktar all'epoca della offensiva sui sistemi di artiglieria di Kiev e Kharkiv, Caesar, Himars e Pzh2000 durante la controffensiva autunnale e sistemi antiaerei come IRIS-T SLM e NASAMS di fronte al blitz.

Ogni volta, l'arrivo di questa attrezzatura consegnata da Stati Uniti, Gran Bretagna, Francia, Germania e molti altri, ha giocato un ruolo decisivo sul campo. Questa dimostrazione di forza occidentale, sia in termini di solidità del blocco politico che di prestazioni dei suoi sistemi d'arma, svolgerà senza dubbio un ruolo moderatore di fronte alle ambizioni di molti potentati in tutto il mondo negli anni a venire, compresi quelli chi potrebbe essere tentato dall'avventurismo nucleare. Questo cambiamento nell'immagine del blocco occidentale, e quindi della Francia, è tanto più critico in quanto quest'ultima aveva sofferto in gran parte dell'avventura americana e britannica in Iraq, ma anche della pietosa gestione della crisi siriana e libica. , e il disastroso ritiro dall'Afghanistan.

Quali vincoli si applicano agli aiuti militari francesi all'Ucraina?


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso agli articoli completi di Analisi, OSINT e Sintesi. Gli articoli negli archivi (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati Premium.

A partire da € 6,50 al mese – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE