La Gran Bretagna non avrebbe i mezzi per le sue ambizioni di difesa

In questi mesi le autorità britanniche hanno mostrato un volontarismo, o almeno una dichiarata ambizione, che alcuni hanno definito esemplare in tema di difesa. Così, a settembre, prima della partenza di Boris Johnson da 10 Downing Street, Il segretario alla Difesa Ben Wallace ha annunciato con orgoglio che intende aumentare lo sforzo di difesa della Gran Bretagna a 100 miliardi di sterline entro la fine del decennio e di mantenerlo al 3% del PIL. Inoltre, almeno questo era necessario per finanziare tutti i programmi promessi dal governo britannico, che si trattasse del caccia Tempest, delle fregate Type 31 e Type 32, della nuova classe di sottomarini nucleari d'attacco Dreadnought o della sostituzione degli elicotteri da manovra Puma. , per non parlare dell'ammodernamento dei corpi corazzati con il contestatissimo programma Ajax.

Dall'arrivo di Rishi Sunak alla guida del Paese, un'ondata di realismo economico sembra aver travolto i ministeri britannici, compreso quello della difesa, ancora nelle mani di Ben Wallace. Così, poche settimane fa, il ministro delle finanze Jeremy Hunt ha annunciato che Londra rispetterà i suoi impegni e manterrà il suo sforzo di difesa al di sopra del 2% del PIL. (br) Escono quindi dal 3% annunciato a settembre, e con essi, gran parte dei programmi finora annunciati, cancellati, ridotti o, nella migliore delle ipotesi, rinviati a data indefinita. È così che il programma di fregata Tipo 32, che dovrebbe compensare la perdita di capacità antisommergibile della flotta di superficie della Royal Navy, non sarà lanciato per diversi anni, probabilmente non prima della fine di questo decennio. Ulteriori aerei da trasporto strategici A400M attesi dalla Royal Air Force, sono puramente e semplicemente abbandonati. Per quanto riguarda il programma Ajax, rimane un enigma, le correzioni apportate per risolvere i problemi di vibrazioni e rumore non sono, ad oggi, soddisfacenti, mentre né Lockheed-martin, né il ministero della Difesa britannico vogliono causare la cancellazione di il contratto.

L'ordine per ulteriori 8 A400M per la Royal Air Force è stato annullato da Londra, ritenendo l'operazione impossibile da finanziare nel contesto attuale

Comunque sia, oltremanica esiste un organismo indipendente destinato alla revisione dei conti pubblici, il National Audit Office o NAO, l'equivalente del Cours de Comptes in Francia. E le conclusioni del suo ultimo rapporto in materia di sostenibilità di bilancio dei programmi di difesa intrapresi dal governo britannico, si stanno rivelando particolarmente severi e privi di appello: è impossibile, nell'attuale traiettoria di bilancio, per il Ministero della Difesa britannico finanziare tutti i programmi in corso dal piano di equipaggiamento 2022-2032, l'equivalente di una legge di programmazione militare in Francia. E per aggiungere che " questo piano di marcia è così disfunzionale, che si pone come riferimento mondiale per prendere crediti e bruciarli”.


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso agli articoli completi di Analisi, OSINT e Sintesi. Gli articoli negli archivi (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati Premium.

A partire da € 6,50 al mese – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE