Di fronte alla nuova strategia russa, l'Ucraina punta ad estendere il conflitto?

Mentre si avvertono i primi effetti della nuova strategia russa, Kiev potrebbe essere tentata di puntare all’estensione del conflitto per rispondere all’irresistibile ascesa di potere degli eserciti russi nei prossimi mesi.

Sia sui social network che attraverso i canali di informazione continua, l’opinione pubblica occidentale, soprattutto in Europa, è stata inondata da metà estate e fino a poche settimane fa, con la certezza di una vittoria imminente e rapida per l’Ucraina, basandosi sulla reale successi dei suoi eserciti fino a ottobre, e sul crescente sostegno da parte delle nazioni occidentali più disposte nel tempo a fornire aiuti militari a Kiev.

Allo stesso tempo, però, in Russia si sono verificati profondi cambiamenti che oggi cominciano a cambiare radicalmente il volto di questo conflitto. Infatti, se durante i primi 6 mesi di combattimento la strategia russa si è basata sull’impegno tattico di un corpo di spedizione che si pensava fosse dimensionato per sconfiggere l’Ucraina, da agosto in poi le autorità russe si sono impegnate a virare verso un conflitto strategico, contando senza alcuna non più sulle forze schierate, ma su tutte le forze presenti nel Paese.

Questa strategia ha portato a alcune decisioni spettacolari, come una mobilitazione iniziale di 300.000 uomini e l'estensione della copertura della coscrizione. Soprattutto, ha permesso di rimobilizzare e riorganizzare le catene industriali, in modo non solo da compensare l’assenza di alcune componenti occidentali rivolgendosi a Pechino e Hong Kong, ma anche per produrre a ritmi molto più sostenuti rispetto a prima alcune attrezzature critiche come veicoli corazzati cingolati pesanti, sistemi di artiglieria o missili a lungo raggio.

Le conseguenze della nuova strategia russa sul conflitto in Ucraina

Come abbiamo già discusso, questo spostamento industriale operato da Mosca ha cambiato radicalmente l’equazione strategica del conflitto in Ucraina, al punto che anche se Kiev dovesse ricevere l'armatura e l'equipaggiamento richiesti, il successo militare russo, a lungo termine, è ora più che probabile.

Kiev potrebbe mirare ad estendere il conflitto per resistere alla potenza industriale russa
La fabbrica Uralvagonzavod a Nizhny Tagil ora funziona 3×8 per produrre una cinquantina di carri armati pesanti T-90M, T-73B3M, T80BVM e veicoli da combattimento di fanteria BMP-2M e BMP-3 al mese.

Infatti, mentre la Russia è ora organizzata per sopportare perdite e shock, i mezzi a disposizione dell’Ucraina non potrebbero essere più incerti nel lungo termine. Da un lato, in assenza di capacità di produzione industriale ad alta capacità, i paesi europei potranno trasferire in Ucraina solo un numero limitato di veicoli blindati e carri armati, e oltre una certa soglia che possiamo pensare a circa 400 veicoli pesanti moderni serbatoi, questo supporto si prosciugherà da solo.

Inoltre, in Europa, ma soprattutto negli Stati Uniti, le prossime elezioni rappresentano una minaccia diretta al sostegno dell’Ucraina, soprattutto perché, con la crescente pressione sui governi per ottenere maggiore sostegno, Kiev sta alimentando il discorso di molti partiti politici radicali più inclini alla neutralità, o addirittura ad un nascosto compiacimento nei confronti di Mosca e Vladimir Putin. Infine, l’Ucraina non dispone di risorse umane sufficienti per resistere indefinitamente contro la Russia, che di fatto mobilita l’intera popolazione in questo sforzo.


C'è ancora il 75% di questo articolo da leggere, Iscriviti per accedervi!

Metadefense Logo 93x93 2 Conflitto russo-ucraino | Germania | Alleanze militari

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
articoli nella loro versione completa;e senza pubblicità,
a partire da 1,99 €.


Per ulteriori

3 Commenti

I commenti sono chiusi.

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli