La Cina annuncia che il missile anti-nave ipersonico YJ-21 è in servizio a bordo dei suoi cacciatorpediniere Tipo 055

La Cina ha confermato l'installazione del missile YJ-21, un missile anti-nave ipersonico navale derivato dal DF-21D, a bordo dei cacciatorpediniere pesanti Tipo 055 della Marina cinese.

Quando si parla di missili ipersonici, i media mainstream sembrano considerare solo i progressi fatti dalla Russia, che si tratti dell'aliante ipersonico Avangard, del missile aviotrasportato Kinzhal o persino del Missile anti-nave 3M22 Tzirkon che ha fatto notizia qualche settimana fa quando la fregata Admiral Gorshkov ha intrapreso uno schieramento nell'Oceano Indiano passando non lontano dalle coste europee.

Tuttavia, la Russia non è l'unica ad aver registrato successi significativi in ​​questo settore. La Corea del Nord ha effettuato diversi test negli ultimi mesi di un missile balistico equipaggiato con un aliante ipersonico, mentre la Cina ha ammesso al servizio 3 anni fa il missile superficie-superficie dello stesso tipo DF-17, paragonabile o addirittura superiore in termini di prestazioni al russo Kinzhal.

Lo stesso vale per il missile anti-nave ipersonico YJ-21 e la sua versione lanciata dall'aria CJ-21, testata quasi un anno fa a bordo di un cacciatorpediniere pesante Type 55 oltre che sotto le ali di un bombardiere pesante H-6N.

L'esistenza di questi due missili, derivati ​​dal missile balistico DF-21D e sormontato da un aliante anti-nave ipersonico, non è una novità. Sono stati infatti osservati nell'aprile 2022, e le loro presunte esibizioni, nonché le implicazioni tattiche e strategiche della loro entrata in servizio nel teatro indo-pacifico, sono state poi analizzate in un articolo intitolato “ I nuovi missili anti-nave ipersonici cinesi YJ-21 e CJ-21 sono un punto di svolta nel Pacifico".

Nulla è sostanzialmente cambiato rispetto a questa analisi, a parte due cose: da un lato, la Marina degli Stati Uniti, ma anche le marine giapponesi, australiane e sudcoreane, si impegnano a implementare rapidamente il nuovo missile RIM-174 SM-6 a bordo dei loro cacciatorpediniere, l'unico missile navale occidentale, con forse l'Aster 30, effettivamente in grado di intercettare questa minaccia. D'altra parte, l'Esercito popolare di liberazione ha appena annunciato pubblicamente di possedere questo missile, rompendo l'omertà su di lui che durava da molti mesi.

Una versione lanciata dall'aria dell'YJ-21, il CJ-21, è stata osservata a bordo di un bombardiere H-6N
Istantanea dell'aprile 2022 che mostra un bombardiere H-6N che trasporta quello che si ritiene sia il missile anti-nave ipersonico CJ-21

Finora la difesa antiaerea e antibalistica dei grandi cacciatorpediniere americani e alleati dotati del sistema AEGIS si è basata sul missile SM-2 per intercettare gli aerei da combattimento così come i missili da crociera, antinave o meno, ed eventualmente missili balistici terminali, nonché sul missile esoatmosferico SM-3 progettato per intercettare bersagli balistici in volo di transito grazie ad un impattore cinetico in grado di colpire bersagli fino ad oltre 150 km di quota.

Tuttavia, questi due missili hanno lasciato una zona di vulnerabilità, situata tra l'altitudine massima di 25 km dell'SM-2 e l'altitudine minima di 60 km per ingaggiare l'impattatore cinetico dell'SM-3. Inoltre, la manovrabilità e la velocità degli alianti ipersonici, come quelli montati sui missili YJ/CJ-21 o 3M22 Tzirkon, rendono molto difficile la loro intercettazione con l'SM-2, anche nella sua versione più avanzata.


C'è ancora il 75% di questo articolo da leggere, Iscriviti per accedervi!

Metadefense Logo 93x93 2 Equilibrio di potere militare | Armi e missili ipersonici | Aviazione di pattuglia marittima

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
articoli nella loro versione completa;e senza pubblicità,
a partire da 1,99 €.


Per ulteriori

5 Commenti

I commenti sono chiusi.

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli