Quanto costerebbe ai contribuenti francesi allineare le capacità ad alta intensità dell'esercito con la Polonia?

Da diversi mesi, in relazione alla guerra in Ucraina e al generale aumento del rischio di un grande impegno in Europa e altrove, si pone la questione della capacità degli eserciti francesi, e in particolare dell’Esercito, di affrontare un conflitto “ad alta intensità” ” è diventato un tema ricorrente sia nell'aula parlamentare che nella comunicazione del governo, nei media e nei social network.

Molto spesso Polonia, che ha annunciato uno sforzo colossale per modernizzare ed espandere le sue capacità territoriali in questo ambito negli anni a venire, viene citato come riferimento, facendo di Varsavia l’esempio da seguire.

La Legge di Programmazione Militare 2024-2030, in corso di finalizzazione, sembra non aver seguito questa strada, mantenendo una struttura della Forza Operativa Terrestre, il braccio armato dell'Esercito, sostanzialmente identica a quella odierna, e realizzando soltanto una aumento settoriale di determinate capacità, come nel campo dell’intelligence, della difesa antiaerea o anche degli attacchi profondi e dei droni.

Tuttavia, nel 2030, secondo questo piano, l'Esercito manterrà una forza operativa limitata in termini di alta intensità, con solo 200 carri armati pesanti Leclerc modernizzati, 650 veicoli da combattimento di fanteria VBCI su ruote relativamente leggeri e scarsamente armati, meno di 120 tubi da 155 mm e una manciata di lanciarazzi unitari, potenzialmente sostituiti dagli HIMARS americani.

Nel 2030, infatti, l'Esercito sarà effettivamente più efficiente, in particolare con la continuazione del programma SCORPION e la consegna di VBMR Griffon e Serval in sostituzione del VAB, e EBRC Jaguar in sostituzione dell'AMX-10RC e dell'ERC -90 Sagaie , e avrà riserve notevolmente aumentate in termini di munizioni, ma anche di personale con l'aumento del potere della Guardia Nazionale.

Tuttavia, in termini di alta intensità, sarà molto lontano dalle 6 divisioni pesanti polacche che schierano 1250 moderni carri armati M1A2 Abrams SEPv3 e K2PL Black Panther, 1400 veicoli da combattimento della fanteria Borsuk, 700 cannoni semoventi K9 Thunder e 500 lanciarazzi mobili K239 e HIMARS.

Se in molti ambiti, come quello delle forze aeree e navali e ovviamente in termini di deterrenza, Varsavia dovrà fare affidamento sui suoi alleati, avrà senza dubbio la più grande forza terrestre convenzionale d’Europa, nettamente superiore alla somma delle sue forze. Territori tedeschi, britannici, italiani e spagnoli messi insieme, le 5 economie più forti del vecchio continente.

K2 Nero Panther PL 01 Pianificazione e piani militari | Alleanze militari | Analisi della difesa
I primi carri armati K-2 Black Panther sono stati consegnati dalla Corea del Sud alla Polonia alla fine del 2022

Anche se non possiamo che rallegrarci nel vedere un alleato equipaggiarsi così efficacemente in questo ambito, è chiaro che in molti ambiti le posizioni e gli atteggiamenti polacchi sono lungi dall’essere allineati a quelli degli europei occidentali.

Inoltre, Varsavia intende ovviamente assumere una posizione politica centrale nell’Europa dell’Est proprio per contrastare l’influenza delle potenze dell’Europa occidentale all’interno dell’UE, confidando nell’aura che fornirà questo strumento militare di fronte alla minaccia russa.

Per riequilibrare l’equilibrio politico del potere, sia di fronte alle minacce militari, russe o di altri paesi (Turchia, ecc.), o all’interno dell’Unione Europea e della NATO, sarebbe naturalmente gradito che la Francia dotasse il suo esercito di una potenza comparabile, come molti ex alti ufficiali e generali continuano a ripeterlo sui social network e nei media.

Tuttavia, al di là della necessità in sé, è necessario valutare i costi e i vincoli che una tale trasformazione genererebbe, in modo da determinarne la sostenibilità di bilancio, ma anche sociale.

E come vedremo, lo sforzo di bilancio di una tale ambizione sarebbe ben lungi dall’essere irraggiungibile, poiché oggi sarebbe inferiore allo 0,25% del PIL francese.

L’obiettivo di questo articolo non è quello di discutere l’organigramma ottimizzato dell’Esercito per rispondere a queste minacce, prenderemo come base di lavoro un formato spesso citato dagli specialisti in materia, con una FOT portata a 90.000 uomini (contro 77.000 oggi) per armare due divisioni pesanti dedicate all'alta intensità, ed una divisione di proiezione e supporto di potenza che riunisce moltiplicatori di forza e truppe specializzate come le Truppe Marine, le Truppe da Montagna, le forze paracadutisti, la componente aeronautica (ALAT) e la Legione Straniera .


C'è ancora il 75% di questo articolo da leggere, Iscriviti per accedervi!

Metadefense Logo 93x93 2 Pianificazione e piani militari | Alleanze militari | Analisi della difesa

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
articoli nella loro versione completa;e senza pubblicità,
a partire da 1,99 €.


Per ulteriori

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli