La US Air Force sta riducendo il suo prossimo ordine di navi cisterna per prepararsi all'arrivo delle navi cisterna di nuova generazione

KC 46 F 35 USAF e1678204886925

Pochi giorni fa, la US Air Force ha annunciato il primo ordine che apre la strada un futuro ordine per 26 velivoli E-7A Wedgetail di preallarme sostituire in parte i suoi 34 E-3 Sentry entrati in servizio tra la fine degli anni '70 e la metà degli anni '80, e che iniziano a segnare sensibilmente il peso degli anni. Se questo ordine consentirà infatti di rinnovare una capacità critica per la potenza aerea americana, è anche significativo che l'aeronautica americana abbia favorito, con questa decisione, una soluzione relativamente economica basata su un velivolo inizialmente progettato per l'esportazione da Boeing. Chiaramente, gli E-7A Wedgetail della US Air Force avranno una funzione di transizione, in attesa dell'arrivo di velivoli che assicurino questo stesso tipo di missione, ma adattati alla nuova realtà della minaccia segnata da velivoli molto più difficili da rilevare e aria-aria. missili aerei la cui gittata ora supera i 200 km.

Le minacce che colpiscono la flotta Awacs riguardano allo stesso modo l'imponente flotta di aerocisterne aria-aria della US Air Force, di gran lunga la più potente del pianeta con quasi 550 tanker che rappresentano oltre l'80% della flotta. mondo di dispositivi di questo tipo. Infatti, come l'E-3 Sentry, lo stratotanker KC-135, il KC-10 Extender e il KC-130 Hercule non possono più operare vicino alle linee di ingaggio di un avversario simmetrico, come possono essere la Russia o la Cina, entrambi i rischi in significativi in ​​termini di difesa aerea a lungo raggio ma anche di caccia dotati di missili aria-aria a lunghissimo raggio come il russo R37M o il cinese PL15. Sfortunatamente, lo stesso vale per il KC-46A Pegasus di Boeing, ordinato dalla US Air Force nel 2011 a scapito dell'A330 MRTT di Airbus, in 179 copie per sostituire i più vecchi KC-135.

Su35 R37M e1670686882226
Il missile aria-aria a lungo raggio R37M può colpire bersagli aerei fino a 400 km di distanza secondo informazioni russe

Nonostante i ripetuti problemi durante lo sviluppo del programma KCx, il primo KC-46A Pegasus è stato consegnato nel 2019 alla US Air Force, e 70 velivoli sono entrati a far parte delle unità operative statunitensi fino ad oggi mentre il restante velivolo dovrà essere consegnato entro la fine del il decennio. Un secondo programma, denominato KCy, doveva subentrare al programma KCx, per sostituire i restanti KC135, oltre 160 velivoli, nel decennio successivo. Opponendosi principalmente, come in precedenza, al Boeing KC-46A da un lato e all'Airbus A330MRTT questa volta associato a Lockheed-Martin, questo programma sembrava finora relativamente aperto, il volume che permetteva di neutralizzare gli effetti del quasi- flotta esistente di KC-46A all'interno dell'USAF. Sfortunatamente per Airbus, e in misura minore per Boeing, né il Pegasus né l'MRTT offrono una sopravvivenza significativamente migliore rispetto agli aerei attualmente in servizio, anche se queste nuove navi cisterna potranno ricevere sistemi di autodifesa rinforzati costituiti da esche, alto- radar energetici e disturbatori laser. In effetti, l'aeronautica americana lo ha appena annunciato il programma KCy sarebbe ridotto a 75 velivoli, in modo da liberare crediti e capacità per il programma KCz che deve appunto sviluppare un sistema in grado di rispondere a queste minacce.


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati -

Gli articoli ad accesso completo sono accessibili nella sezione "Articoli gratuiti". Gli articoli Flash sono aperti nella versione completa per 48 ore. Gli abbonati hanno accesso completo agli articoli di analisi e riepilogo. Gli articoli in Archivio (più vecchi di due anni) sono riservati agli abbonati Premium.

- 15% sul tuo abbonamento Classic o Premium (mensile o annuale) con il codice Ritorno a casa23
Solo fino al 30 settembre!


Condividi l'articolo:

Saperne di più