Le forze di autodifesa giapponesi stanno riorganizzando le loro acquisizioni per anticipare l'arrivo massiccio dei droni

Di fronte all’aumento delle minacce e al declino delle risorse umane mobilitabili, le forze di autodifesa giapponesi hanno avviato una profonda trasformazione dei loro futuri programmi di equipaggiamento, per orientarsi, ove possibile, verso droni e soluzioni robotiche.

Il rapido e massiccio indurimento delle minacce cinesi e Nordcoreani nella penisola giapponese ha portato le autorità giapponesi ad avviare profondi cambiamenti nel campo della difesa.

Al di làun Libro bianco che rompe con la tradizione giapponese in questo settore, e l'ambizione ora assunta aumentare lo sforzo di difesa dall’1 al 2% del PIL, vale a dire il doppio del budget della Francia per lo stesso sforzo, Tokyo ha anche annunciato numerosi programmi basati su uso massiccio di capacità di attacco a lungo raggio, ma anche molti droni invece di sistemi che utilizzano la risorsa più difficile da mobilitare nell’arcipelago, le risorse umane.

Se fino ad ora gli annunci erano essenzialmente qualitativi, relativi ad ambizioni a lungo termine e programmi di sviluppo o acquisizione necessaria per raggiungere questo obiettivo, l'Agenzia giapponese per gli appalti, la tecnologia e la logistica ha appena pubblicato un rapporto aggiornando le ambizioni dei suoi programmi in corso, che offre una visione più concreta non solo delle ambizioni, ma anche del calendario a cui Tokyo punta.

In questo nuovo rapporto, il numero degli aerei da pattugliamento marittimo Kawasaki P-1 viene ridotto da 70 a 61, mentre alla fine di febbraio le forze di autodifesa navale giapponese hanno annunciato l'intenzione di Guarda l'MQ-9B SeaGuardian di General Atomics svolgere parte delle missioni di sorveglianza e pattugliamento marittimo, anche nel campo della guerra antisommergibile.

Appositamente progettato per svolgere questo tipo di missioni, il SeaGuardian, evoluzione dell'MQ-9 Reaper, può trasportare 40 grandi boe sonore, o 80 piccole boe, ed è dotato di un potente radar Leonardo Seaspray AESA con sintesi ad apertura invertita, che gli conferisce eccellenti prestazioni navali. capacità di rilevamento, anche nelle zone costiere. Così equipaggiato, il drone può effettuare un pattugliamento di 8 ore a 1.200 miglia (2.200 km) dalla sua base, sostanzialmente le stesse prestazioni offerte dal P-1, a parte il trasporto di armi.

Le forze di autodifesa del Giappone si rivolgono ai droni
L'MQ-9B SeaGuardian può trasportare fino a 4 pod ciascuno dotato di 10 boe sonore pesanti o 20 leggere.

È probabile che il probabile arrivo del SeaGuardian abbia avuto un ruolo anche nella decisione annunciata di ridurre la flotta di elicotteri SH-60K, con una flotta target ora di 71 aerei nei prossimi 20 anni, rispetto ai 91 aerei di 15 anni prima.

In effetti, i cacciatorpediniere e le fregate giapponesi, che implementano proprio l'SH-60K, operano il più delle volte in relativa prossimità alle coste del paese, quindi con il potenziale supporto dei SeaGuardian e dei P-1, con vincoli di attuazione, lavoro meno importante che per a bordo di elicotteri navali, anche se questi ultimi hanno capacità uniche, come la possibilità di utilizzare un sonar subacqueo oltre a un rilevatore di anomalie magnetiche, molto utile per stabilire la posizione precisa di un sommergibile al fine di consegnare le munizioni.

Al contrario, la nota prodotta dall'agenzia giapponese prevede un aumento significativo del numero di aerei di supporto alla flotta da caccia, con l'acquisizione di 18 velivoli di allarme rapido E-2D Hawkeye rispetto ai 13 inizialmente previsti, oltre a 15 KC- 46A aerei cisterna Pegasus, 5 in più rispetto al piano previsto.


C'è ancora il 75% di questo articolo da leggere, Iscriviti per accedervi!

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
articoli nella loro versione completa;e senza pubblicità.

Meta-Defense festeggia il suo 5° anniversario!

LOGO meta difesa 114 Pianificazione e piani militari | Analisi della difesa | Contratti di difesa e bandi di gara

- 20% sul tuo abbonamento Classic o Premium, con il codice Metanniv24

Offerta valida dal 10 al 20 maggio per la sottoscrizione online di un nuovo abbonamento Classic o Premium, annuale o settimanale sul sito di Meta-Defense.


Per ulteriori

2 Commenti

  1. […] Per rispondere a questi deficit ricorrenti, le autorità giapponesi hanno intrapreso tre azioni complementari. Da un lato, è stata creata una commissione con l'obiettivo di produrre entro l'estate una serie di raccomandazioni per migliorare l'attrattiva della professione d'armi nell'arcipelago, e quindi aumentare il reclutamento e la fidelizzazione del personale. Tra gli assi previsti vi sono l'aumento degli stipendi per raggiungere gli stipendi offerti dal settore privato, ma anche il miglioramento delle condizioni di vita dei militari e dei loro coniugi. Il secondo asse si basa sulla costituzione di una riserva operativa più ampia, anche se secondo lo stato maggiore giapponese le forze di riserva non raggiungono l'efficienza operativa delle forze professionali, a causa di un migliore addestramento. Infine, le FADJ hanno avviato un vasto e rapido passaggio per aumentare la robotizzazione degli eserciti, sostituendo ove possibile gli equipaggi con l'intelligenza artificiale. È in quest'ottica che alcune settimane fa hanno annunciato l'intenzione di sostituire i loro elicotteri da combattimento e da ricognizione con droni, nonché un'importante riorganizzazione delle acquisizioni di attrezzature per adattarsi a questa dinamica... […]

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli