Il Canada ha deciso di lanciare una replica della competizione australiana del 2015 per costruire 12 sottomarini convenzionali

Contrariamente alla stragrande maggioranza dei paesi membri europei della NATO, il Canada, membro fondatore dell'Alleanza, non ha, per il momento, presentato una solida traiettoria di bilancio per raggiungere uno sforzo di difesa del 2% del suo PIL.

Tuttavia, e nonostante uno sforzo di difesa affamato di solo l'1,35% del PIL e un budget di $ 23 miliardi (us) nel 2023, il paese ha intrapreso, negli ultimi anni, diversi importanti programmi per modernizzare le sue forze armate, inclusa l'acquisizione di 88 F -35A aereo da combattimento per sostituire i 76 CF-18 ancora in servizio, ma anche 15 fregate britanniche F-26 per sostituire le 12 fregate di classe Halifax entrate in servizio tra il 1988 e il 1995.

Più recentemente, Ottawa ha annunciato l'intenzione di sostituire la sua flotta di 15 pattugliatori marittimi CP-140M Aurora, derivati ​​dal Lockheed P-3 Orion, dal nuovo Boeing P-8A Poseidon americano. Ma in campo navale, la più grande rivoluzione in arrivo per la Royal Canadian Navy avverrà in campo sottomarino.

Infatti, la Royal Canadian Navy implementa, oggi, 4 sottomarini diesel-elettrici di classe Victoria, sviluppato dalla Gran Bretagna per supportare i suoi nuovi SSN di classe Conqueror e sostituire gli Oberon a metà degli anni 80. Dei 12 sottomarini progettati per la Royal Navy, furono costruiti solo quattro edifici di quello che allora era designato come Upholder, la Royal Navy aveva deciso nel frattempo, come la marina francese o la marina statunitense, di rivolgersi esclusivamente ai sommergibili a propulsione nucleare.

Entrate in servizio tra il 1990 e il 1990, le 4 navi furono infine vendute nel 1998 alla Royal Canadian Navy per sostituire le Canadian Oberons che avevano raggiunto l'età pensionabile.

Per tutto il periodo successivo alla Guerra Fredda, le dimensioni molto ridotte della flotta sottomarina canadese non furono certo un handicap, tanto più che Ottawa, come le sue controparti europee, sfruttò appieno il potenziale offerto dai famosi "benefici della pace", come presentati dopo il crollo dell'Unione Sovietica in Occidente.

Ma con l'aumento delle tensioni nell'Atlantico e nell'Artico contro la Russia, e nel Pacifico contro la Cina, le autorità canadesi hanno dovuto rivedere al rialzo il formato della flotta, e più in particolare della flotta sottomarina.

il Royal Canadian Nagy schiera 4 sottomarini convenzionali di classe Upjolder

E infatti, secondo la stampa canadese, le autorità del paese sarebbero ora in consultazione per intraprendere un nuovo programma per sostituire i 4 Victoria con non meno di 12 sottomarini convenzionali.

Per fare questo, Ottawa presenta una dotazione di 60 miliardi di dollari canadesi, ovvero 40 miliardi di euro. Per diversi commentatori, tuttavia, la Royal Canadian Navy avrebbe notevoli margini di miglioramento in questo programma, un budget di $ 100 miliardi, o € 60 miliardi, spesso proposto a questo proposito.

Questo budget, ma anche il numero di navi prese di mira, ricorda sicuramente la precedente competizione in Australia vinta dal gruppo navale francese nel 2015, prima di essere abbandonata unilateralmente da Canberra nel 2021 per rivolgersi alla cooperazione con Stati Uniti e Gran Bretagna nell'ambito di la neonata alleanza AUKUS, per produrre otto sottomarini d'attacco, questa volta con propulsione nucleare. Ma se in apparenza la competizione canadese ricorda quella australiana, in realtà sarà molto diverso.


LOGO meta difesa 70 Flotta sottomarina | Analisi della difesa | Canada

Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati -

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
tutti gli articoli senza pubblicità, a partire da € 1,99.

- Pubblicità -

Per ulteriori

5 Commenti

I commenti sono chiusi.

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli