Il Giappone sta investendo 3 miliardi di dollari per acquisire missili balistici ipersonici a lungo raggio entro il 2026

Dopo aver attraversato con relativa tranquillità la seconda metà del XX secolo e l'inizio del XX secolo, sotto l'azione combinata della protezione americana e di un teatro di minore intensità nella competizione tra Stati Uniti e Unione Sovietica dopo la Seconda Guerra Mondiale Il Giappone è oggi al centro del teatro potenzialmente più esplosivo del pianeta, sotto la minaccia simultanea di uno scontro sino-americano intorno a Taiwan e di un conflitto tra le due Coree. In effetti, il paese è ora nel raggio d’azione sia dei missili cinesi, a poco più di 3000 km di distanza, sia delle nuove capacità balistiche nordcoreane, i due paesi sono a soli 1000 km di distanza. Inoltre, il Giappone è un paese particolarmente vulnerabile agli attacchi strategici, anche convenzionali, con solo il 29% della sua superficie potenzialmente utile (in grado di ospitare popolazioni) e aree ad altissima densità di popolazione, come Tokyo che raggiunge i 6000 abitanti .per km2.

Sapendo che il Giappone non può dotarsi di armi di distruzione di massa a causa della sua costituzione, la creazione di una capacità deterrente convenzionale si rivela ora essenziale di fronte a tali minacce, soprattutto perché il paese potrebbe essere preso di mira “suo malgrado” dalle ritorsioni cinesi o nordcoreane. misure dovute alla significativa presenza di forze americane sul suo territorio. È in questo contesto che le autorità giapponesi hanno compiuto, negli ultimi anni, sforzi significativi per acquisire capacità di risposta a lungo raggio con la recente acquisizione di 400 missili da crociera Tomahawk destinati ad armare i cacciatorpediniere Aegis delle forze di autodifesa navale giapponese. Tuttavia, questo annuncio costituisce solo un primo passo verso il rafforzamento delle capacità deterrenti giapponesi. Tokyo, infatti, ha annunciato ieri la firma di un contratto del valore di 380 miliardi di yen, ovvero 3 miliardi di dollari, con la società Mitsubishi Heavy Industries, per sviluppare e produrre in serie un nuovo missile balistico ipersonico a lungo raggio a partire dal 2026, nonché il modernizzazione del missile antinave Type 12.

Analisi della difesa missilistica di tipo 12 | Armi e missili ipersonici | Contratti di difesa e bandi di gara
Entrato in servizio nel 2012, il missile antinave Type 12 arma le batterie costiere delle forze di autodifesa giapponesi

Pertanto, il missile Type 12, che oggi arma le batterie costiere giapponesi, vedrà la sua portata aumentare da 200 km a 1000 km nella sua versione modernizzata e, secondo alcune fonti, fino a 1500 km nella sua versione aviotrasportata. Infatti, laddove il Type 12 presente equipaggia soltanto le batterie costiere delle forze di autodifesa, la sua evoluzione potrà anche armare navi, aerei e sottomarini attraversouna versione con un cambio di sfondi. Per affrontare queste sfide, il missile sarà allungato, dotato di un nuovo motore, un nuovo cercatore, una struttura invisibile e un collegamento dati che consentirà la ricalibrazione dinamica della navigazione e dell'assegnazione dei bersagli. Il programma riceverà, secondo Janes, 33,8 dei 150 miliardi di yen previsti per l'anno fiscale 2023, e dovrà essere pienamente operativo entro il 2028.


C'è ancora il 75% di questo articolo da leggere, Iscriviti per accedervi!

Metadefense Logo 93x93 2 Analisi della difesa | Armi e missili ipersonici | Contratti di difesa e bandi di gara

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
articoli nella loro versione completa;e senza pubblicità,
a partire da 1,99 €.


Per ulteriori

2 Commenti

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli