Sabato 2 marzo 2024

Quale blindato sostituire Leclerc se il programma MGCS dovesse essere rinviato?

- Annuncio -

Questi ultimi sono stati probabilmente i giorni più difficili per quanto riguarda il programma Main Ground Combat System, o MGCS, inizialmente destinato a sostituire il Leclerc e il Leopard Leopard a partire dal 2035. Infatti, in rapida successione, diversi annunci sono stati fatti oltre Reno, lasciando presumere che tale termine non sarebbe più rispettato. Pertanto, secondo la Bundeswehr , i blocchi industriali che il programma deve affrontare oggi ne impedirebbero l’entrata in servizio nel 2035.

Pochi giorni prima, Suzanne Weigand, direttrice generale della RENK, che progetta e produce trasmissioni molto critiche per i carri armati francesi e tedeschi, aveva dichiarato in un'intervista che questa stessa scadenza non era più auspicabile mentre la domanda immediata di nuovi carri armati da combattimento ridistribuirà il fronte del mercato indirizzabile nel 2035.

- Annuncio -

Il colpo finale è stato sferrato alla fine della settimana da Krauss Maffei Wegmann, il progettista del Leopard 2, che ha presentato una nuova versione 2A8 del suo carro armato , e ha indicato che una versione più avanzata, sempre denominata 2AX, era in fase di sviluppo per l'ingresso nel mercato. in servizio entro 2 o 3 anni.

Il palinsesto di MGCS è in pericolo

Ovviamente presto sarà impossibile continuare a sperare che la prima MGCS sostituisca la francese Leclerc e la tedesca Leopard 2 a partire dal 2035, data del 2045 spesso citata oltre Reno.

Questa scadenza è addirittura, da un certo punto di vista, probabilmente ottimistica data la realtà dell'inversione di mercato dei carri armati pesanti a cui assistiamo oggi in Europa e nel mondo. Come abbiamo accennato nei nostri precedenti articoli sull’argomento, un tale rinvio minerebbe sia l’esercito francese che la base industriale e tecnologica di difesa terrestre nazionale.

- Annuncio -

La prima, infatti, non ha oggi la possibilità di potenziare o ammodernare la propria flotta Leclerc come dovrebbe per raggiungere tale scadenza, o almeno nulla indica ad oggi nella programmazione militare francese che l'ipotesi sia stata trattata nella sua interezza. . Il secondo, da parte sua, ha un piano di carico ottimizzato con il programma SCORPION che lo prende fino al 2035, e contava sul programma TITAN , di cui MGCS è il pilastro principale, per subentrare a questa scadenza.

Un ritardo dell'MGCS minerebbe il programma TITAN dell'esercito
Il programma TITAN dell'Esercito è un'evoluzione del programma SCORPION integrando la componente corazzata pesante

Infatti, se, come ormai è molto probabile, il programma MGCS dovesse essere rinviato senza essere cancellato, sarà necessario che Parigi trovi una soluzione provvisoria in grado di soddisfare contemporaneamente le esigenze dell’Esercito e quelle del territorio del BITD, in modo da preservare le capacità e le ambizioni di entrambi.

Verso una soluzione provvisoria per l'Esercito

Diversi articoli pubblicati su questo sito hanno già studiato alcune opzioni, come il dimostratore EMBT e la sua promettente torretta sviluppata da Nexter , o anche ricorrendo a una soluzione esogena, come il KF51 Panther di Rheinmetall , il polacco K2PL o il nuovo Leopard 2AX in corso di design presso KMW, partner di Nexter all'interno del gruppo KNDS.

- Annuncio -

Tuttavia, queste analisi si sono basate sullo studio di una soluzione esistente, per determinarne la rilevanza e la sostenibilità in caso di aumento del formato, e non per rispondere a un rinvio di MGCS. In questo articolo, invece, partiremo dalle esigenze, dal contesto internazionale e commerciale, ma anche dagli insegnamenti tratti dalla guerra in Ucraina su questo tema, per stabilire quale sarebbe la migliore risposta che il BITD francese potrebbe fornire.

Solo pochi anni fa, la maggior parte dello stato maggiore considerava i carri armati una reliquia del passato. Per molti, i progressi compiuti negli ultimi decenni nel campo delle munizioni anticarro, ma anche delle munizioni da caccia e dell’artiglieria di precisione o delle munizioni aviotrasportate, hanno reso i carri armati troppo vulnerabili per poter svolgere il loro ruolo sul campo di battaglia. Gli esempi degli impegni post-Guerra Fredda, in particolare in Cecenia, Iraq e Afghanistan, tendevano a supportare questa percezione.


LOGO meta difesa 70 carri armati MBT | Analisi della difesa | Conflitto russo-ucraino

Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli abbonamenti classici danno accesso a tutti gli articoli senza pubblicità , a partire da 1,99€.


- Annuncio -
Fabrice Lupo
Fabrice Lupohttps://meta-defense.fr/fabrice-wolf/
Ex pilota aeronautico navale francese, Fabrice è l'editore e l'autore principale del sito Meta-defense.fr. Le sue aree di competenza sono l'aeronautica militare, l'economia della difesa, la guerra aerea e sottomarina e Akita inu.

Per ulteriori

10 commenti

  1. Come sempre molto stimolante. Da completare con un'analisi economica. La Francia non ha pianificato una massiccia forza di battaglia. Al massimo qualche centinaio di unità, il che rende illusorio rendere redditizio un programma di questa portata. Mi sembra che nei tuoi articoli precedenti tu abbia accennato alla possibilità di acquistare una base (motore, trasmissione, ecc.) dai tedeschi e completarla con elementi francesi (torretta, cannone, elettronica, ecc.). Non riuscendo a realizzare lo stesso carro armato, perché non condividere mattoni comuni che verrebbero ammortizzati su serie più lunghe e costruire due prodotti diversi (pesante tedesco, medio francese)

    • Il problema è che i tedeschi stanno andando avanti molto rapidamente e da soli su questo tema. Non hanno alcun interesse a sviluppare una gamma “complementare” o addirittura a sostenerne l’emergere. Alcuni elementi, come la trasmissione (Renk) e probabilmente il motore (MTU), saranno comunque tedeschi. Ma per aumentare la sostenibilità del bilancio, mi sembra più importante fare affidamento su altri potenziali partner. Non bisogna inoltre dimenticare che l'obiettivo è proprio quello di preservare le competenze industriali, che oggi sono chiaramente minacciate dall'evoluzione del programma MGCS.

  2. Perché non restare su una macchina da 45 tonnellate con una versione da combattimento pesante (sistema Ascalon da 140 mm + cannone a comando remoto da 25 mm) e una versione da combattimento di fanteria (torretta telecomandata CTA da 40 mm al 50% + missili – mitragliatrice pesante a comando remoto al 50%). torretta e lanciagranate da 40 mm + razzi) per la svolta e il combattimento urbano?

    E mantieni per il grosso delle forze 8×8 da 30 tonnellate: versione di supporto (con torretta da 120 mm telecomandata + cannone da 25 mm) e versione da combattimento di fanteria (50% torretta CTA da 40 mm telecomandata + missili – 50% torretta telecomandata macchina pesante pistola e lanciagranate da 40mm + razzi)

    Mantenere masse ragionevoli per la mobilità operativa (grazie alla protezione attiva) e avere telai comuni per i “carri armati” e gli “IVC” di ciascuna classe consente economie di scala e controllo dei costi di acquisizione, MCO e esigenze logistiche.

    Gli MBT pesanti sono particolarmente rilevanti attualmente per i paesi che partecipano alle marce della NATO o per mancanza di alternative. Ma quali mobilità operativa e prospettive occupazionali per questi MBT di stanza in Francia, Spagna, Regno Unito, ecc.? E intervenire, se necessario, altrove che sul “fronte orientale”? Smettiamo di prepararci per la guerra precedente o attuale e rivolgiamoci ai bisogni prevedibili. Lasciamo questo mercato dei panzer pesanti ai tedeschi.

    Mi sembra che molti paesi trarrebbero vantaggio da questo modello (l'India in particolare) per finanziare lo sviluppo o successivamente per equipaggiare le proprie forze.

    • 140 mm e 45 tonnellate... non sono sicuro che funzioni. Ciò è possibile in una versione di cacciacarri, ma la guerra in Ucraina ha dimostrato proprio che questo approccio, che può essere definito conservatore, poneva problemi reali perché i veicoli blindati non hanno la mobilità necessaria. Possiamo anche mettere in dubbio il valore aggiunto di un tubo da 140 mm quando la stragrande maggioranza degli scontri avviene a meno di 1000 m, distanza alla quale 105 HP sono sufficienti per perforare quasi tutto. Un 105 più leggero e più veloce in termini di cadenza di fuoco e velocità angolare mi sembra che risponda molto meglio alle lezioni della guerra in Ucraina.

      • Per quanto riguarda il calibro adatto alla fascia alta dello spettro di potenza di fuoco, Nexter suggerisce che la sua soluzione Ascalon sarebbe adatta per macchine di peso inferiore a 50 tonnellate entro il 2025, con munizioni telescopiche per fuoco diretto o indiretto. (se non funziona possiamo tenere il 120mm, che dovrebbe mantenere una buona efficacia fino a 2000 metri.) Sono piuttosto riservato sull'idea di basare il nostro modello militare per i prossimi 20 anni sulle osservazioni in Ucraina, al momento rischio di avere come al solito una guerra di ritardo... Spero che prenderemo in considerazione un approccio più dinamico per prendere il sopravvento all'inizio di un conflitto su un possibile avversario. Ci sono vaste pianure in Europa, Nord Africa e Medio Oriente dove un contingente necessariamente piccolo di mezzi corazzati occidentali verrebbe alleviato per sfruttare una potenza di fuoco superiore e riuscire a sconfiggere (senza superiorità aerea) le masse di MBT di varia origine. Mi auguro sinceramente che non dovremo mai intervenire contro una Russia rinvigorita ed equipaggiata dalla Cina, o contro l’Algeria, l’Egitto, l’Arabia Saudita, la Turchia, l’Iran o un corpo di spedizione cinese in un’area di grande interesse, ma questo è ciò che vogliamo deve prepararsi per. Immagino che nel combattimento urbano il 140mm con proiettili adatti possa sicuramente essere di grande utilità. Al contrario, un carro armato da 45 tonnellate per trasportare un semplice 105mm HP mi sembra un po' sovradimensionato rispetto al suo valore aggiunto operativo, anche se questo renderebbe più confortevole il rifornimento di munizioni e l'autonomia in combattimento.

    • E perché non il giapponese Type 10, un carro armato moderno più compatto del Leclerc, che pesa da 40 a 48 tonnellate a seconda dell'armatura modulare trasportata.
      Il costo della franchizzazione sarebbe molto inferiore a quello di uno sforzo di ricerca e sviluppo e verrebbe equipaggiato con armi ed elettronica francesi.
      Un’opportunità per impegnarsi nella cooperazione con il Giappone.

I commenti sono chiusi.

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli