Il carro armato T-14 Armata è davvero presente in Ucraina come sostiene la stampa russa?

- Pubblicità -

Dall'inizio del conflitto in Ucraina, le forze russe avrebbero perso, in modo documentato, più di 1900 carri da combattimento, di cui più di 120 T-62/64, più di 1000 T-72, 460 T-80 oltre a 60 T-90 e più di 220 carri armati non identificati perché troppo danneggiati. Nonostante la ripresa della produzione industriale russe, in particolare nel sito di Uralvagonzavod che produrrebbe ogni mese una cinquantina di veicoli corazzati T-90M, T-80BVM, T-72B3M e BMP-3M, queste perdite hanno messo a dura prova le capacità degli eserciti russi, rappresentando oltre il 65% della flotta di carri armati che avevano all'inizio del conflitto. Se ogni mese nuovi carri armati russi come i T-90M riescono a raggiungere il fronte, queste perdite hanno costretto le autorità del paese a ritirare 800 scorte di T-64M per rafforzare le forze schierate su 1200 km di fronte, questi veicoli corazzati hanno iniziato ad essere riabilitato dopo 40 anni di deposito. In effetti, non c'è nulla di sorprendente che lo stato maggiore russo proponga alcune nuove armi, che dovrebbero portare la promessa di una vittoria imminente.


LOGO meta difesa 70 carri armati MBT | Conflitto russo-ucraino | Costruzione di veicoli blindati

Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
tutti gli articoli senza pubblicità, a partire da € 1,99.

- Pubblicità -

Iscrizione alla newsletter

Registrati per Newsletter di Meta-Difesa ricevere il
ultimi articoli di moda giornaliero o settimanale

- Pubblicità -

Per ulteriori

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli