Perché il formato delle forze armate francesi non corrisponde al contratto operativo presentato dal ministro delle forze armate?

Il contratto operativo presentato dal Ministro delle Forze Armate, Sebastien Lecornu, a margine del voto sulla LPM 2024-2030, è coerente con la struttura degli eserciti risultante dall'applicazione di questa LPM? Questo è tutt'altro che ovvio...

Mentre la Commissione Difesa dell'Assemblea Nazionale ha modificato e convalidato il disegno di legge di programmazione militare 2024-2030, aggiungendo in particolare l'obbligo per lo Stato di garantire i 13 miliardi di euro di entrate straordinarie previste nel piano di finanziamento, il Ministro delle Forze Armate, in parte esasperato dalle numerose critiche sulla "mancanza di ambizione" di questa LPM che vedrà tuttavia , e di gran lunga la crescita di bilancio più significativa per le Forze Armate negli ultimi 30 anni, ha chiarito quali fossero gli obiettivi, in particolare in termini di contratto operativo.

Così, in un tweet sul suo conto, Sebastien Lecornu ha voluto dettagliare il principale contratto operativo affidato ai 3 eserciti. Per l'Esercito si tratterà di poter schierare una divisione composta in particolare da 2 brigate da combattimento, nonché tutte le capacità di comando per supervisionare un corpo d'armata, conformemente al mandato dell'Esercito. Fronte europeo nella Nato.

La Marina francese, da parte sua, deve poter schierare il suo gruppo aereo navale organizzato attorno alla portaerei nucleare Charles de Gaulle e poi alla sua successore. Infine, l'Aeronautica Militare, da parte sua, dovrà poter schierare uno squadrone composto in particolare da 40 aerei da combattimento.

Gli obiettivi così definiti sembrano perfettamente in linea con gli impegni della Francia, in particolare nei confronti della NATO, e corrispondono al posizionamento della Francia come grande alleato e potenza di equilibrio, come proposto dall'esecutivo.

Tuttavia, si rivelano anche molto superiori a quelli che hanno permesso di definire il formato degli eserciti francesi nel quadro del Libro bianco del 2013, mentre la LPM 2024-2030 resta basata, per molti aspetti, su questo stesso formato, e questo riguarda i 3 eserciti.

Si pone quindi il problema della coerenza tra la traiettoria definita dalla futura LPM e il contratto operativo così come presentato dal Ministro delle Forze Armate.

Esercito: Schiera una divisione di 2 brigate

Gli impegni riguardanti l'esercito francese restano, più o meno, identici a quelli che sono stati finora. La Francia, infatti, già presidia il fronte sud-europeo della NATO, e deve quindi assumere non solo il comando di un corpo d'armata composto da divisioni e brigate di forze locali e alleate dedicate a questo fronte (come il Belgio), ma anche contribuire ad esso con una divisione composto da 2 brigate da combattimento.

Per raggiungere questo obiettivo l’Esercito può contare su 6 brigate organiche suddivise in 2 divisioni. Secondo gli impegni francesi in seno alla NATO, essa deve essere in grado di schierare una prima brigata da combattimento entro una settimana, nonché una seconda brigata entro 30 giorni.

il formato degli eserciti francesi non corrisponde al contratto operativo definito da MINARM

Per raggiungere questo obiettivo, le brigate francesi assicurano una rotazione operativa, con una brigata di allerta, come nel caso della brigata Serval schierata in Mali nel 2013 con brevissimo preavviso. Una seconda brigata, che è in formazione, fornisce un'allerta di 30 giorni, mentre anche una terza brigata è in formazione, per poter prendere a sua volta l'allerta.

Le ultime 3 brigate sono in riposo e rigenerazione, in particolare dopo gli schieramenti, e partecipano anche ad altri schieramenti al di fuori del quadro della NATO. Purtroppo questa organizzazione si rivela più teorica che pratica, e la stessa NATO ha ritenuto fino a poco tempo fa che l'Esercito potesse garantire lo spiegamento di una brigata rinforzata solo entro 30 giorni, ed eventualmente di una seconda brigata dopo 90 giorni.

Il fatto è che, per assumere un simile assetto operativo, sarebbe necessario creare 2 nuove brigate per l'Esercito, in modo da avere di fatto risorse di rotazione sufficienti per assumere lo schieramento prolungato nel tempo di 2 brigate su richiesta della NATO (senza nemmeno parlando di impegno).

Inoltre, va tenuto presente che una parte significativa dei reggimenti francesi sono specializzati, come unità di fanteria marina per l'assalto anfibio, unità di paracadutisti per il combattimento aereo e truppe di montagna.


C'è ancora il 75% di questo articolo da leggere, Iscriviti per accedervi!

Metadefense Logo 93x93 2 Pianificazione e piani militari | Alleanze militari | Analisi della difesa

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
articoli nella loro versione completa;e senza pubblicità,
a partire da 1,99 €.


Per ulteriori

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli