Dopo i carri armati, verso una nuova cacofonia europea sui caccia per l'Ucraina

USAF F16 e1683737552610

La consegna di aerei da combattimento è stata una delle sfide dell'ultimo tour europeo del presidente ucraino Volodymyr Zelensky. E infatti l'argomento è stato discusso con il cancelliere tedesco Olaf Scholz oltre che con il presidente francese Emmanuel Macron e il primo ministro britannico Rishi Sunak. Se questi ultimi due hanno già annunciato di essere pronti ad addestrare gli equipaggi ucraini al pilotaggio di aerei Nato, né la Francia né la Gran Bretagna, così come la Germania, non hanno aerei F. -16, quest'ultimo che sembra però godere dei favori di Kyiv e soprattutto della NATO per sostenere l'Ucraina.


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati -

Gli articoli ad accesso completo sono accessibili nella sezione "Articoli gratuiti". Gli articoli Flash sono aperti nella versione completa per 48 ore. Gli abbonati hanno accesso completo agli articoli di analisi e riepilogo. Gli articoli in Archivio (più vecchi di due anni) sono riservati agli abbonati Premium.

- 15% sul tuo abbonamento Classic o Premium (mensile o annuale) con il codice Ritorno a casa23
Solo fino al 30 settembre!


Condividi l'articolo:

Saperne di più

Un pensiero a “Dopo i carri armati, verso una nuova cacofonia europea sui caccia per l'Ucraina”

I commenti sono chiusi.