Lo stato maggiore norvegese prevede un ulteriore aumento del potere degli eserciti russi negli anni a venire

Classe IAssen

Ora è contestato solo da pochi sostenitori incondizionati di Mosca, gli eserciti russi hanno subito perdite considerevoli in Ucraina. Quindi, secondo il sito di riferimento di Oryx, questi avrebbero ora perso (distrutti, catturati o danneggiati) in combattimento più di 10.000 grandi pezzi di equipaggiamento, inclusi più di 2000 carri armati da combattimento, quasi 3500 veicoli corazzati da combattimento, più di 900 sistemi di artiglieria o 170 aerei ed elicotteri e più di un decine di navi militari.

Quanto alle perdite umane, molto più difficili da valutare, sarebbero circa 180.000 morti, feriti e dispersi dall'inizio del conflitto.

Per molti paesi europei, queste perdite sono così elevate che ci vorrà necessariamente molto tempo prima che Mosca ricostituisca una forza armata convenzionale sufficiente per venire a minacciare la NATO ei suoi vicini.

È così che i maggiori eserciti europei, francesi, tedeschi, italiani o britannici, si sono impegnati in uno sforzo che, ovviamente, mira a rispondere all'evoluzione della minaccia e al ritorno dei rischi dei grandi conflitti convenzionali in Europa, ma questo in un arco di tempo relativamente lungo, vale a dire dieci o quindici anni, che è il tempo stimato necessario alla Russia per riprendersi dal disastro ucraino, indipendentemente dall'esito di questo conflitto.

di fronte agli eserciti russi, lo staff norvegese ha scelto il Leopard 2A8
Il Leopard 2A7 (a sinistra) e il K2 Black Panther (a destra) sono stati abbinati alla pari durante i test in Norvegia. È comunque il carro tedesco che è stato scelto da Oslo per sostituire il Leopard 2A4 in servizio

Per i paesi dell'Est e del Nord Europa, invece, le prospettive sono molto diverse. L'esempio più clamoroso, anche se probabilmente eccessivo, è nientemeno che la Polonia, che da diversi mesi sta compiendo uno sforzo colossale per dotare il Paese di una potenza militare convenzionale in grado di contenere, se necessario senza l'aiuto degli alleati europei, la minaccia russa durante lo sviluppo.

Senza gli evidenti eccessi di Varsavia, questa preoccupazione per una recrudescenza della minaccia russa molto prima di quanto previsto a Parigi, Berlino o Roma, è condivisa anche dai Paesi del Nord Europa e della Scandinavia, che sono impegnati, anche loro, in un grande sforzo a questo proposito.

È il caso in particolare della Norvegia che, nonostante una popolazione esigua di poco più di 5 milioni di abitanti, ha una notevole potenza militare, con quasi 25.000 uomini e donne nell'esercito, in parte forniti da un servizio militare non obbligatorio.

Soprattutto le forze armate norvegesi sono particolarmente ben equipaggiate, con una cinquantina di carri armati pesanti Leopard 2A4 presto sostituiti da Leopard 2A7+ supportati da 160 veicoli da combattimento di fanteria CV90, una trentina di cannoni semoventi K9 protetti da una batteria terra-aria La NASAMS si è riunita all'interno di una Brigata da combattimento di 4500 uomini. L'aeronautica sta schierando una cinquantina di caccia F16 e F-35A, cinque aerei da pattugliamento marittimo P-5A Poseidon e una quarantina di elicotteri.

Con più di 80.000 km di costa per la sua geografia molto particolare, ricca di fiordi, la Norvegia ha anche una flotta potente, 4000 forti, e soprattutto oggi schiera 6 sottomarini di classe Ula, 4 fregate di classe Fritjof da 5300 tonnellate (dopo la perdita della 5a unità, la fregata Helge Ingstad nel giugno 2019), nonché 6 corvette missilistiche di classe Skjold, 4 navi da guerra antimine di classe Alta (2 ) e Oksøj, e una grande nave logistica, la Maud.

Fregata classe Nansen F311 Roald Amundsen
La Royal Norwegian Navy allinea oggi 4 fregate della classe Fritjof Nansen

Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati -

Gli articoli ad accesso completo sono accessibili nella sezione "Articoli gratuiti". Gli articoli Flash sono aperti nella versione completa per 48 ore. Gli abbonati hanno accesso completo agli articoli di analisi e riepilogo. Gli articoli in Archivio (più vecchi di due anni) sono riservati agli abbonati Premium.

- 15% sul tuo abbonamento Classic o Premium (mensile o annuale) con il codice Ritorno a casa23
Solo fino al 30 settembre!


Condividi l'articolo:

Saperne di più

Un pensiero a “Lo Stato Maggiore norvegese prevede un ulteriore aumento della forza degli eserciti russi negli anni a venire”

I commenti sono chiusi.