La Repubblica Ceca ordinerà 24 F-35A per sostituire i suoi JAS 39 Gripen a partire dal 2029.

Il governo ceco ha annunciato di aver convalidato il futuro ordine di 24 velivoli F-35A Lightning 2 dell'americana Lockheed-Martin, per sostituire, a partire dalla fine del decennio, i 12 JAS 39C Gripen, e 2 JAS 39D in due Attrezzatura da allenamento in versione a due posti, noleggiata dalla Svezia dal 2005.

Buona settimana per Lockheed-Martin. In effetti, dopo Annuncio di Bucarest sull'imminente acquisizione di 48 F-35A in due lotti negli anni a venire, tocca ora a Praga fare lo stesso.

24 Lockheed-Martin F-35A per la Repubblica Ceca

A tal fine, le autorità ceche hanno convalidato il prossimo ordine di 24 F-34A per sostituire i 14 Gripen C/D noleggiati dalla Svezia dal 2005, nonché i 23 caccia leggeri L-159 Anca del produttore di aerei locale Aero Vodochody.

Secondo le informazioni fornite, i nuovi dispositivi dovrebbero essere consegnati a partire dal 2029 (o dal 2031 a seconda delle fonti), per una flotta pienamente operativa. dal 2035.

Questo prossimo ordine è accompagnato da un accordo industriale non ancora dettagliato, ma che consentirà all'industria aeronautica ceca di unirsi all'ecosistema F-35.

Praga prevede di stanziare poco meno di 106 miliardi di dollari (5 miliardi di corone) per l'acquisto degli apparecchi e di tutte le attrezzature necessarie per la loro realizzazione dall'FMS americano, che qualche settimana fa aveva avanzato una proposta di 5,6 miliardi di dollari su richiesta ceca .

F-35A Lockheed-Martin
La Repubblica Ceca ha preferito l'F-35A al Gripen E svedese per sostituire il Gripen C

Inoltre, l'aeronautica ceca Vzdušné síly dedicherà 1,9 miliardi di dollari (44 miliardi di corone ceche) per dispiegare e modernizzare le infrastrutture necessarie per l'implementazione di questa nuova flotta di caccia.

Il grande sforzo per modernizzare gli eserciti cechi

Questo programma rappresenta il 2,2% del PIL della Repubblica Ceca, ovvero 1 anno e mezzo del bilancio annuale degli eserciti del paese, con uno sforzo di difesa che raggiungerà l'1% del PIL nel 2.

Ricordiamo che nell'aprile 2023 il Parlamento ceco ha approvato una legge che chiede che lo sforzo di difesa del paese venga portato oltre la soglia NATO del 2% a partire dal 2024, in particolare per finanziare gli attuali programmi di ammodernamento delle attrezzature.

In effetti, Praga ha intrapreso diversi programmi importanti negli ultimi anni, con l’acquisizione di 62 veicoli corazzati Titus e tanta tanta 52 sistemi di artiglieria CAESAR con la Francia, 200 veicoli da combattimento di fanteria CV90 in Svezia, così come 12 elicotteri UH-1Y Venom e AH-1Z Viper con la campana americana.

Più recentemente, la Repubblica Ceca ha avviato trattative con la tedesca Krauss-Maffei Wegmann l'acquisizione di 70 carri armati Leopard 2A8 al fine di sostituire gli 84 T-72M4 CZ attualmente in servizio.

L'arbitrato di Praga a favore del caccia americano non è affatto una sorpresa. In effeti, già nel giugno 2022 il governo ceco ha annunciato la sua preferenza per l’F-35A, giudicato più efficiente e meno costoso del JAS 39 Gripen E proposto dalla svedese Saab.

Leopard 2A6HU
La Repubblica Ceca vuole acquisire 70 carri armati Leopard 2A8 per sostituire i suoi 84 T-72M4 CZ attualmente in servizio

Disinteresse europeo per il produttore aeronautico ceco Aero Vodochody


C'è ancora il 75% di questo articolo da leggere, Iscriviti per accedervi!

Logo Metadefense 93x93 2 Aviazione da caccia | Aerei da addestramento e attacco | Costruzione di aerei militari

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
articoli nella loro versione completa;e senza pubblicità,
a partire da 1,99 €.


Per ulteriori

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli