Programma svizzero F-35: gli industriali francofoni sono sempre più impazienti

- Pubblicità -

Gli industriali svizzeri francofoni, che avrebbero dovuto beneficiare delle misure compensative legate al programma F-35 per le forze aeree svizzere, esprimono ora la loro preoccupazione, ma anche il loro fastidio e il loro scoraggiamento, di fronte all'evidente mancanza di progressi in questo settore. , un anno dopo la firma del contratto. Soprattutto fanno eco al sospetto di favoritismi a favore delle imprese svizzere con sede nei cantoni di lingua tedesca.

Quando Berna ha annunciato la sua decisione a favore dell'F-35A americano per modernizzare le forze aeree svizzere, molte voci, in Svizzera, ma anche in Francia, si sono levate per mettere in dubbio la sincerità dell'offerta trasmessa dalla Lockheed-Martin e dagli Stati Uniti.

Tra gli argomenti allora considerati poco credibili, la condivisione industriale di 3 miliardi di franchi svizzeri su cui si era impegnata Lockheed-Martin, sembrava eccessiva alla luce del contratto in sé, ma anche degli accordi di condivisione industriale precedentemente siglati in Europa dal produttore di aerei americano .

- Pubblicità -

Inoltre, diverse personalità svizzere, soprattutto nella Svizzera romanda francese, hanno espresso preoccupazione per la mancanza di trasparenza dell'intero programma e in particolare delle procedure di aggiudicazione dei contratti di compensazione.

La mancanza di progressi riguardo alla compensazione industriale per il programma svizzero F-35

Queste preoccupazioni erano apparentemente giustificate, almeno in parte, se si crede ai recenti articoli pubblicati, ancora una volta, dalla stampa svizzera francofona.

Vetreria Mecaplex svizzera
La società Mecaplex, specialista in tettoie aeronautiche, ha gettato la spugna in attesa di un possibile ordine legato al programma svizzero F-35.

Così, secondo la Radiotelevisione svizzera, gli industriali svizzeri, e in particolare quelli francofoni, che inizialmente avrebbero dovuto beneficiare di queste misure di compensazione, cominciano a disperare per la mancanza di progressi in questo settore, nonostante gli innumerevoli incontri avuti con Lockheed-Martin nell'ultimo anno .che il contratto è entrato in vigore.

- Pubblicità -

Alcuni di loro, come l'azienda Mecaplex con sede a Grange nel cantone di Soletta, rinomato produttore di coperture per aerei, spesso citato come riferimento da Lockheed-Martin, hanno addirittura gettato la spugna di fronte alla mancanza di progressi in questo settore .

Sembra però che questa percezione non sia distribuita uniformemente in Svizzera. Sembra infatti che, sempre secondo RTS, tra gli industriali romanofoni emergano sospetti di favoritismi a favore di imprese appartenenti ai cantoni di lingua tedesca.

Sospetti di favoritismo nei confronti degli industriali francofoni

Infatti, la maggior parte dei contratti firmati finora, che coprirebbero fino alla metà dei 3 miliardi di franchi promessi dal produttore di aerei, sono andati a queste aziende svizzere appartenenti ai cantoni di lingua tedesca, e più in particolare alla società Ruag , con sede a Berna , che potrebbe rivelarsi il grande vincitore di questa operazione.

- Pubblicità -
Programma di compensazione industriale svizzero per gli F-35
La compensazione industriale relativa al programma svizzero F-35 è probabilmente ostacolata dagli impegni assunti altrove dal produttore di aerei americano.

LOGO meta difesa 70 Compensazioni offset e difesa industriale | Aerei da caccia | Belgio

Resta da leggere il 75% di questo articolo,
Iscriviti per accedervi!

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
articoli nella loro versione completa;e senza pubblicità,
a partire da 6,90 €.


Iscrizione alla newsletter

Registrati per Newsletter di Meta-Difesa ricevere il
ultimi articoli di moda giornaliero o settimanale

- Pubblicità -

Per ulteriori

1 COMMENTO

I commenti sono chiusi.

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli