Perché il missile russo 9M730 Burevestnik non cambia nulla nell’equazione nucleare globale?

Il presidente Vladimir Putin ha annunciato la fine dei test del missile Burevestnik a propulsione nucleare 9M730, una delle armi di nuova generazione presentate nel 2018 durante la campagna presidenziale russa. Se il missile può vantare queste eccezionali capacità, non è tuttavia in grado di modificare gli equilibri strategici, e nemmeno le dottrine di deterrenza, dei paesi che ne sono dotati.

Poco più di un anno fa, Mosca annunciò con grandi superlativi l'entrata in servizio del sottomarino nucleare Belgorod e delle sue munizioni, il siluro nucleare Poseidon.

Poseidon, Kinzhal, Burevestnik: le armi segrete di Vladimir Putin

Facendo affidamento per l'occasione sulle fantasie veicolate dai tabloid anglosassoni, la propaganda russa ha poi presentato la coppia Belgorod-Poseidone come un'arma capace di ribaltare gli equilibri strategici, in particolare creando immensi Tsunami capaci di generare danni senza precedenti alle zone costiere avversarie.

Come abbiamo poi mostrato, questo timore non si fondava su nulla di concreto, salvo sull'autoalimentata esagerazione di una certa stampa in cerca di sensazionalismo.

Siluro Poseidon del sottomarino nucleare Belgorod
Durante la campagna presidenziale del 2018, Vladimir Putin ha introdotto diverse armi rivoluzionarie, tra cui il siluro nucleare Poseidon che ora arma il sottomarino nucleare Belgorod.

Meglio ancora, la realtà strategica non è stata in alcun modo sconvolta dall’arrivo di quest’arma, che è stata meno efficace degli attuali missili balistici intercontinentali nel mantenere gli equilibri globali nelle mani delle poche nazioni equipaggiate.

Se fosse necessaria un’ulteriore prova della natura più sensazionale che militare del siluro Poseidon, nessuna delle principali nazioni equipaggiate con esso si è impegnata a sviluppare sistemi d’arma equivalenti da allora. la sua presentazione da parte di Vladimir Putin nel 2018.

Il missile 9M730 Burevestnik con propulsione termo-nucleare

Oggi è il turno del missile Burevestnik, una delle armi presentate dal presidente russo come rivoluzionarie a margine della campagna elettorale del 2018, di cui sarà annunciata prossimamente l'operatività. dallo stesso Vladimir Putin, in occasione del Valdai International Discussion Club.

Il missile 9M730 Burevestnik è, secondo le autorità russe, un missile da crociera a propulsione nucleare, in grado di percorrere diverse decine di migliaia di chilometri per raggiungere il suo obiettivo e di trasportare anche una carica nucleare.

Questa gittata, notevolmente maggiore di quella di altri missili da crociera, consentirebbe allo stato maggiore russo di programmare traiettorie di volo capaci di aggirare le difese antiaeree avversarie, di colpire i propri obiettivi su avvicinamenti inattesi, e quindi poco protetti.

missile 9M730 Burevestnik
Il missile Burevestnik ha caratteristiche di volo vicine a quelle di un tradizionale missile da crociera, fatta eccezione per una portata dieci volte maggiore.

C'è ancora il 75% di questo articolo da leggere, Iscriviti per accedervi!

Logo Metadefense 93x93 2 Forze deterrenti | Armi e missili ipersonici | Armi nucleari

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
articoli nella loro versione completa;e senza pubblicità,
a partire da 1,99 €.


Per ulteriori

1 COMMENTO

I commenti sono chiusi.

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli