Il nuovo carro armato M1E3 Abrams dell'esercito americano farà affidamento su un APS volumetrico per garantirne la sopravvivenza

Da quando l'esercito americano ha annunciato di puntare ad una profonda trasformazione del veicolo corazzato denominato M1E3 Abrams per sottolinearne il carattere dirompente, e alla cancellazione della versione M1A2 SEPv4 considerata troppo pesante, oltreoceano si sono moltiplicati gli annunci riguardo alle aspettative dell'esercito americano esercito per il suo nuovo carro armato.

Le caratteristiche dell'M1E3 Abrams dell'esercito americano

Durante l'evento sono state annunciate diverse funzionalità chiave l'annuncio iniziale del vice segretario dell'Esercito Gabe Camarillo all'inizio di settembre, in particolare che il serbatoio deve essere più leggero del suo antenato, per aumentarne la mobilità e ridurne i consumi e l'ingombro logistico.

Infatti, nei successivi sviluppi, l'americano Abrams passò da 55 a 68 tonnellate, migliorandone certamente l'efficienza e la protezione, ma aumentandone sensibilmente i consumi, riducendone al tempo stesso la mobilità e impedendogli l'utilizzo di alcune infrastrutture civili come i ponti.

Sono state fornite ulteriori informazioni dal Maggiore Generale Glenn Dean, che pilota il programma per l'esercito americano, nel corso di un'intervista rilasciata al sito americano Defensenews.com.

I carri armati M1E3 Abrams sostituiranno gli M1A2 attualmente in servizio
La protezione offerta da un APS come il sistema Israeli Trophy non protegge dalle minacce in caduta libera.

Apprendiamo così che al di là dell'aumento della mobilità, verrà fatto uno sforzo particolare nella progettazione del nuovo carro armato, per ridurne sensibilmente l'ingombro logistico, sia in termini di carburante che di manutenzione del veicolo corazzato, diventato molto restrittivo nel corso degli anni.

Un APS volumetrico per la protezione dalle minacce di immersione

Nella stessa occasione è stata rivelata una nuova caratteristica chiave dell'M1E3. Per il generale Dean, infatti, il nuovo Abrams dovrà essere protetto da un sistema di protezione attiva (APS). Tuttavia, contrariamente a quanto previsto con M2SEPv4, il Leopard 2A8 o Challenger 3, questa protezione deve essere volumetrica e in grado di far fronte alle minacce che arrivano dall'alto.

Il fatto è che sembra che in Ucraina, ma anche, molto più recentemente, in Israele, la maggior parte dei carri armati distrutti siano stati distrutti da munizioni nascoste, da missili in picchiata come i Javelin, così come, in molti casi, da semplici droni commerciali dotati di missili lanciabili. cariche, come i razzi anticarro.

Una Merkava israeliana distrutta da un razzo anticarro lanciato da un drone leggero. Da notare il radar del sistema Trophy che qui non è stato di alcuna utilità.

Tuttavia, tutti i carri armati oggi in servizio hanno poca corazza sul tetto, mentre i rari carri armati dotati di un APS hard kill, come il Merkava israeliano, sono protetti da questo sistema solo contro il fuoco diretto.


C'è ancora il 75% di questo articolo da leggere, Iscriviti per accedervi!

Metadefense Logo 93x93 2 carri armati MBT | Germania | Conflitto israelo-palestinese

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
articoli nella loro versione completa;e senza pubblicità,
a partire da 1,99 €.


Per ulteriori

1 COMMENTO

I commenti sono chiusi.

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli