21mila feriti in 000 giorni: la medicina di guerra va trasformata, dicono le simulazioni

- Pubblicità -

Forse tra le lezioni più importanti della guerra in Ucraina c’è il ruolo della medicina di guerra. Pertanto, le unità combattenti si trovano ad affrontare livelli di perdite che non avevano sperimentato dai tempi della guerra di Corea.

Inoltre, l’onnipresenza di artiglieria, difesa antiaerea, droni e capacità di attacco a lungo raggio tende a limitare le possibilità di evacuazione medica, a differenza, ad esempio, dei precedenti conflitti di minore intensità.

Il ruolo crescente della medicina di guerra nei moderni conflitti ad alta intensità

In questo contesto, il ruolo della medicina di guerra, ma anche il peso della sua organizzazione, divennero elementi strategici nel perseguimento dello sforzo bellico, con significative e notevoli differenze tra i due belligeranti.

- Pubblicità -

In precedenza, abbiamo menzionato, in un articolo di maggio, secondo cui gli specialisti russi stimavano che il 50% delle morti in combattimento dell'esercito russo fossero la conseguenza della scarsa formazione di primo soccorso dei soldati stessi.

Evacuazione delle vittime russe in Ucraina
Il tasso di sopravvivenza dei soldati russi feriti in Ucraina è più del doppio di quello dei soldati ucraini, a causa della scarsa formazione di primo soccorso.

Al contrario, le forze ucraine, che addestrano efficacemente il proprio personale in quest’area, mostrano un tasso di sopravvivenza del personale ferito notevolmente più elevato rispetto alle loro controparti russe.

È in questo contesto che ha chiesto il generale Michael Talley, che dirige il Centro di eccellenza dell'esercito americano una revisione rapida e profonda dell’organizzazione e soprattutto della formazione del personale militare e medico americano, per affrontare la realtà di quello che potrebbe essere oggi un impegno importante e ad alta intensità.

- Pubblicità -

Livelli di perdite spaventosi previsti dai wargame americani

Per fare ciò, l’ufficiale generale si basa sui risultati pubblicati di recenti wargame, simulando un grande impegno a livello di corpo, affrontando un avversario come la Cina o la Russia. E i dati sono davvero preoccupanti.

Pertanto, in una simile ipotesi, le perdite del corpo d'armata americano impegnato arriverebbero fino a 21 morti e soprattutto feriti, ovvero la metà del numero iniziale, e questo, in soli sette giorni di combattimento.

Inoltre, come detto in precedenza, le simulazioni mostrano che l'evacuazione dei feriti, in particolare durante l'Ora d'Oro, questi 60 minuti decisivi per la sopravvivenza dei feriti, si è rivelata molto più difficile che durante i conflitti precedenti, costringendo medici e infermieri del reparto, di mettere in campo competenze molto più ampie rispetto a prima.

- Pubblicità -
Medicina di guerra
Oggi la missione dei paramedici militari è stabilizzare i feriti in vista di una rapida evacuazione medica. Le simulazioni mostrano, tuttavia, che questa dottrina non è più adeguata in caso di conflitto ad alta intensità.

LOGO meta difesa 70 Medicina di guerra | Notizie sulla difesa | Conflitto russo-ucraino

Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
tutti gli articoli senza pubblicità, a partire da € 1,99.


Iscrizione alla newsletter

Registrati per Newsletter di Meta-Difesa ricevere il
ultimi articoli di moda giornaliero o settimanale

- Pubblicità -

Per ulteriori

1 COMMENTO

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli