Questi i 4 cardini della guerra in Ucraina anticipati da Meta-défense

Dall'inizio della crisi che ha dato origine alla guerra in Ucraina, il sito Meta-difesa è stato in grado di anticipare i cambiamenti strategici di questo conflitto, a volte con diversi mesi di anticipo, e sempre andando contro l'idea dominante. Quali sono questi cardini e perché sono importanti oggi?

Una volta è una coincidenza. Due volte è una coincidenza. Tre volte è uno schema, Questa famosa massima di James Bond in Goldfinger, viene spesso utilizzata, erroneamente, per illustrare le famose regole di Mosca. Ma che dire di quando, per quattro volte, il sito Meta-defense è riuscito ad anticipare, a volte con diversi mesi di anticipo, i perni strategici attorno alla guerra in Ucraina?

In effetti, dall’inizio di questa crisi, in numerose occasioni, i lettori abituali del sito hanno potuto leggere articoli argomentati, spesso contrari all’idea dominante del momento, su questo conflitto e soprattutto sui grandi cambiamenti che esso ha comportato. stato soggetto.

Aprile 2021: Lo scenario georgiano e la Maskirovka russa

Il primo momento critico in questo conflitto si è verificato non nel febbraio 2022, ma nell’aprile 2021. In quella data, gli eserciti russi si sono impegnati a schierare, sotto la copertura di un’esercitazione, quasi 100 uomini e il loro equipaggiamento, ai confini del Donbass. . All'epoca, la maggioranza degli analisti riteneva che si trattasse, per Mosca, di un gesto volto a influenzare le trattative sul prezzo del gas all'Europa.

Assalto russo alla Georgia nel 2008
La strategia utilizzata da Mosca per preparare la sua offensiva contro l’Ucraina era identica a quella utilizzata 14 anni prima contro la Georgia, come aveva previsto Meta-defense nell’aprile 2021.

Dal canto suo Metadifesa avanza l'ipotesi diuna ripetizione dello scenario georgiano del 2008. Tra il 2007 e l’agosto 2008, infatti, gli eserciti russi hanno, in diverse occasioni, schierato importanti risorse ai confini della Georgia, sotto la copertura di esercitazioni. Ricordiamo che in questa data Tbilisi, come Kiev, si era apertamente avvicinata alla NATO, con grande dispiacere del Cremlino.

Ciascuno di questi schieramenti ha permesso agli eserciti russi di aumentare i dispositivi e i mezzi pesanti schierati lungo il confine georgiano, ma anche di aumentare le provocazioni contro gli eserciti di Tbilisi che proteggevano il confine.

Fu in risposta alla notizia di queste provocazioni, attraverso un'efficace Maskirovka guidata dal GRU, che il presidente georgiano Mikheil Saakashvili, convinto della protezione americana e occidentale in caso di conflitto con la Russia, si impegnò a riconquistare la città di Tskhinvali, tenuto dai separatisti osseti sostenuti dalle forze russe, creando il casus belli atteso dal Cremlino per scatenare la 55a armata sulla Georgia.

Per la Meta-difesa, i ripetuti schieramenti degli eserciti russi al confine ucraino miravano a riprodurre questa stessa strategia. 9 mesi dopo, a seguito di una nuova distribuzione iniziata nel novembre 2021, euna Maskirovka che questa volta fallì, gli eserciti russi iniziarono l'offensiva contro l'Ucraina.

Novembre 2021 – 223 febbraio 2022: l’offensiva russa e la resistenza ucraina

All’inizio di novembre 2021 Mosca ha quindi intrapreso un nuovo massiccio dispiegamento di forze attorno all’Ucraina. Se la stragrande maggioranza degli analisti europei, anche all’interno di diversi servizi di intelligence, fossero lenti a vederloL'inizio di una grande offensiva contro l'Ucraina, non era il caso di Meta-defense, che prevedeva l'offensiva, ma anche la sua data, e soprattutto la resistenza ucraina, mentre tutti erano convinti che in caso di attacco delle forze russe, gli eserciti di Kiev avrebbero potuto solo opporre una resistenza simbolica.

Guerra in Ucraina Carro armato russo distrutto
Secondo Meta-defense nel novembre 2021, un'offensiva russa contro l'Ucraina potrebbe derivare solo da uno scarso apprezzamento del potenziale militare dell'Ucraina e della geografia del paese.

Per Meta-difesa, la natura dello schieramento russo, la sua portata e il calendario che circonda le vacanze di fine anno, potrebbero solo portare a una molto probabile massiccia offensiva russa, anche oltre il Donbass.

Inoltre, diversi articoli prevedevano che, in caso di offensiva russa contro l’Ucraina, gli eserciti russi incontrerebbero molte più difficoltà di quanto altrimenti previsto.


C'è ancora il 75% di questo articolo da leggere, Iscriviti per accedervi!

Metadefense Logo 93x93 2 Conflitto russo-ucraino | Alleanze militari | Analisi della difesa

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
articoli nella loro versione completa;e senza pubblicità,
a partire da 1,99 €.


Per ulteriori

1 COMMENTO

I commenti sono chiusi.

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli